Politica, istituzioni e territorio. Dialogo oltre i partiti
Giuseppe Adamoli   adamoli1@alice.it
inserito il 18/10/2011 alle 10:24

 
 

Ieri sera all’assemblea provinciale della Confesercenti, l’amico Bruno mi chiede: “cosa ne dici della proposta di Di Pietro di tornare alla legge Reale?”
Tutto il male possibile. Non è tempo di leggi speciali.
Deluso, Bruno cambia discorso: “chi voteresti alle primarie per il centrosinistra?”
Il candidato che mi assicura che Di Pietro non sarà ministro dell’Interno. C’è un’incompatibilità profonda fra il Viminale e il poliziotto che c’è in lui.



Tags: Di Pietro, primarie, legge Reale, Viminale     Categoria: Persone
Commenti dei lettori: 30 commenti - scrivi il tuo commento
Meno male che c'è qualche ex democristiano che ragiona. Lo dico da sinistra.
Scritto da Ambrogio L. il 18/10/2011 alle 10:39
Questo Di Pietro è un bel tipo. Dice di essere di sinistra ma in verità lo è solo in odio a Berlusconi. Se non ci fosse stato lui sarebbe stato di là.
Scritto da Bianchi Giò il 18/10/2011 alle 11:43
C'è anche incompatibilità fra il centro-sinistra democratico e un partito come l'IDV che è fondato "ad personam" su un giustizialista di destra ma antiberlusconiano...
Scritto da Pietro Resteghini il 18/10/2011 alle 11:44
Capisco cosa vuoi dire ma devi ammettere che i violenti vanno repressi brutalmente.
Scritto da Lucky il 18/10/2011 alle 11:47
Più mezzi alla polizia, altro che leggi speciali. Spero che il Pd sarà molto chiaro su questo punto.
Scritto da Giovane rottamatore il 18/10/2011 alle 12:20
Condivido @Pietro Resteghini. IDV quanti voti porta?Il bacino più grosso a cui attingere è il 40% che ora non vota, di cui un buon 60% è di centrosinistra.Convincerne la metà significa prendere il 30% del 40%, ovvero un 12% del totale che mi sembra un bel colpo: 27% (sondaggi attuali per il PD) + 12% = 39%!!!! E parlo di solo PD! Diamoci una sveglia.Di Pietro ci fa piu male che bene. Un grazie a chi l'ha portato in Parlamento:ah già D'Alema (a cui consiglio di leggere Gramellini oggi).
Scritto da Federico Antognazza il 18/10/2011 alle 12:21
Caro @Lucky, certo che la violenza va repressa, anche a vantaggio di chi vuol manifestare liberamente le proprie idee e contestare il potere costituito. Mi rifiuto di pensare che le forze dell'ordine, meglio organizzate, guidate ed equipaggiate, non lo possano fare con le leggi esistenti. Non siamo negli anni Settanta, non c'è il terrorismo di allora, c'è una feccia che lo Stato può sbaragliare qui e subito.
Scritto da Giuseppe Adamoli il 18/10/2011 alle 12:46
I tempi cambiano ma alcune considerazioni di pasoliniana memoria rimangono attuali. E' legittima la protesta degli "indignati", quello che è insopportabile è la violenza dei black bloc che, nel delirio collettivo, si sono trascinati dietro di tutto. Di Pietro è un demagogo che si smarca accontentandosi di rubacchiare voti al Pd. Ai tempi della Dc, al massimo della carriera, avrebbe fatto il capo delle guardie in qualche ministero. Rimane un alleato scomodo. Comunque quella violenza va stroncata.
Scritto da paolo rossi il 18/10/2011 alle 13:50
La legge Reale, già allora, fu molto controversa e applicata senza grandi risultati. PG Battista ricorda oggi sul Corriere che fu dapprima avversata dal Pci che poi ne pretese l'uso sistematico durante gli anni di piombo. Un'altra dimostrazione del ritardo dei comunisti nel comprendere l'utilità di certe leggi. Oggi però una legislazione speciale non è più giustificata e Di Pietro si appalesa quello che è: un questurino diventato importante grazie alla sua furbizia e al vuoto politico.
Scritto da Gianfelice O. il 18/10/2011 alle 13:56
Applausi! Anche a Pietro Resteghini, Federico Antognazza, Paolo Rossi. (gli ex MSI sanno bene che Di Pietro ha cercato, in prima battuta, la loro casa. Poi si è piazzato altrove perchè c'era spazio libero. Ed avere un nemico è più efficace, nelle urne, di avere delel idee. Auspico sia così ancora per poco).
Scritto da FrancescoG. il 18/10/2011 alle 14:32
Penso che il PD debba smettere di fare il bastian contrario e favorire Di Pietro nei confronti dell'opinione pubblica: andava fatta la Legge speciale!
Scritto da Loredana il 18/10/2011 alle 14:49
@paolo rossi: ti chiedo come sia possibile che Roma sia stata una nuova Genova senza il morto. in questi 10 anni la discussione parlamentare su questo tema come è stata? ieri sentivo in tv i vari Damiano, Romani, Gasparri, Ferrero (che ci stava a fare), Galletti e uno di FLI e le frasi eran le stesse che si sentivano nel post Genova. Cosa (NON) si è fatto in questi 10 anni? La legge Pisanu e niente altro?A milano 2 settimane fa sui muri "Roma 15/10 come Genova" possibile che non si sapeva?
Scritto da Federico Antognazza il 18/10/2011 alle 14:53
Domanda inutile quella che ti ha rivolto Bruno, le elezioni primarie non si faranno. Spero che si tengano quelle per i candidati al Parlamento. Bisogna far pulizia.
Scritto da Bartoli Carlo il 18/10/2011 alle 15:11
@Loredana, ma quale legge speciale? Si diano alla polizia e ai carabinieri le risorse per lavorare bene, piuttosto.
Scritto da Andrea Orsi il 18/10/2011 alle 15:33
@Federico tocca il nervo giusto. Si temeva un'altra Genova ma si è fatto poco o niente per prevenirla. Questa è anche responsabilità del ministro Maroni. Altro che legge Reale.
Scritto da Giovanni Pini il 18/10/2011 alle 15:37
Di Pietro sarà demagogo e scomodo ma sta nel centro-sinistra.Ai vari puristi che lo vorrebbero fuori dchiedo come pensano di poter vincere:già ci sono i grillini,vedi Molise,;già ci sono i radicali (bene gli sfottò a Pannella),già c'è il dilemma Sel o Udc.;già ci sono i rottamatori,via Veltroni,via D'alema.Facciamo gareggiare solo il PD delle anime candide e ci teniamo Berlusconi-Alfano per l'eternità.Ma come si fa a cercare,almeno, di vincere così?
Scritto da B.Bruni il 18/10/2011 alle 15:40
Non c’è bisogno di leggi speciali, anche perché quello che si è visto sabato è stato praticato da teppisti facinorosi, che magari nemmeno distinguono la destra dalla sinistra e che hanno in corpo tanta violenza che mal incanalano. Di Pietro non ci piace. Ma se la proposta di una nuova “legge Reale” l’avessero avanzata Fini o Casini, saremmo stati così feroci nei loro confronti? Piuttosto, sarebbe meglio ragionare sul clima di tensione sociale che sta maturando in questo Paese. La manifestazione del Pd fissata per il 5 novembre a Roma che senso ha? Una passerella di big per dire cosa? La motivazione che si legge nel comunicato-stampa è la seguente: “per sostenere il progetto di governo alternativo sulla base del quale il PD avvierà il confronto con le altre forze sociali e politiche”. Ma per favore! Quale governo alternativo? Quello che si farà dopo le elezioni o quello “tecnico”, di transizione? E in Molise ha vinto il Pdl grazie all’Udc o ha perso il Pd per colpa dei grillini?
Scritto da Mafalda il 18/10/2011 alle 15:49
Caro @Federico Antognazza. In fondo nella Tua domanda c'è la risposta. Un Paese civile che vive una crisi economica e politica, diciamo pure di "sistema", come è quella che stiamo attraversando, deve mettere in conto la protesta, anche dura ed "indignata". La trovo legittima. Mi chiedo solo: a chi servono gli scontri e le violenze? Le dichiarazioni a questo proposito di La Russa sono chiare ed inequivocabili. Dal punto di vista dell 'ordine pubblico la città non è stata difesa. Inquietante.
Scritto da paolo rossi il 18/10/2011 alle 15:51
Alle prossime elezioni bisogna vincere e poi governare. Anche con Di Pietro, certamente. L'affermazione di Adamoli che non desidera Di Pietro ministro dell'Interno l'accetto volentieri in quanto significa che lo gradirebbe come ministro in altri dicasteri. Mi piace, come si dice su facebook.
Scritto da Federica il 18/10/2011 alle 16:24
In poche righe hai condensato un giudizio sulla legge Reale, un giudizio su Di Pietro, un giudizio sulle violenze di Roma e anche una mezza bocciatura su Maroni. Da osservatore attento del blog dico che sei un buon comunicatore anche se tu afferni (non ti conosco personalmente) che non hai mai fatto corsi comunicazione. Malgrado questo un giorno potrei chiamarti a tenere qualche lezione. Ci staresti?
Scritto da Roseto senza rose il 18/10/2011 alle 17:00
@Mafalda, i tuoi punti interrogativi sono anche miei.
Scritto da Emanuela il 18/10/2011 alle 19:14
Certo che, per efficacia, uno slogan come il virgolettato “per sostenere il progetto di governo alternativo sulla base del quale il PD avvierà il confronto con le altre forze sociali e politiche”, non può dar luogo ad altro che al “ma per favore”! di @ Mafalda. La cui ultima domanda, che non ritengo retorica, è molto intrigante.
Scritto da Angelo Eberli il 18/10/2011 alle 20:10
E' l'ennesima dimostraione che Di Pietro e l'IDV con il centro sinistra non c'entrano niente! Sono di destra e se non ci fosse Berlusconi sarebbero in quell'area!
Scritto da mauro prestinoni il 18/10/2011 alle 20:41
@Roseto senza rose - Ti ringrazio per il complimento ma non saprei che insegnamento offrire se non un pò di esperienza. Per curiosità potrei anche venire ma io ti posso segnalare @Cesare Chiericati che è un giornalista bravissimo, con una lunga esperienza anche all’estero, che è in grado di aiutarti molto meglio di me.
Scritto da Giuseppe Adamoli il 18/10/2011 alle 20:48
Preciso meglio il mio pensiero su Antonio D Pietro. Non sarei felice di vederlo all’Interno e tanto meno alla Giustizia ma ai Lavori Pubblici con Prodi premier era stato bravissimo. L’avevo visto all’opera in Lombardia e ve lo posso assicurare. Per quanto riguarda le alleanze, abbiamo un tale scenario gravoso davanti a noi che l’idea di raggruppare più forze per costituire una maggioranza molto ampia non la scarterei proprio. Certo, ci sarà il problema del programma realizzabile sul serio e in modo coeso, ma questo problema non sarà risolto fino a quando non avremo anche il leader
Scritto da Giuseppe Adamoli il 18/10/2011 alle 20:53
Povera sinistra! era già pronta a trovarsi un altro san Giuliani da Genova ma per fortuna la nostra Polizia le prende e non le da; ma perchè non usa le pallottole di gomma come fa la Polizia svizzera?
Scritto da 1948 il 18/10/2011 alle 20:57
Da Di Pietro io una macchiana usata non la prenderei.
Scritto da G.S. il 18/10/2011 alle 22:43
Di Pietro sul ritorno alla legge Reale è stato smentito perfino da Maroni. Che figuraccia!
Scritto da Andrea Orsi il 19/10/2011 alle 08:54
Prendo solo l'ultima domanda di @Mafalda, richiamata anche da @Angelo Eberli. Più decisivo, per il risultato del Molise, l'Udc con il Pdl o i grillini che hanno tolto i voti al centrosinistra? Risposta difficile ma una considerazione mi sento di farla. Con Casini si può discutere, trattare, trovare un'intesa, con Grillo no.
Scritto da Giuseppe Adamoli il 19/10/2011 alle 10:02
Prego leggere sul sito dell'Idv le dichiarazioni che ha rilsciato l'on. Di Pietro. Nulla a che vedere con la Legge Reale. Temo che molti autori di cotesti commenti, fossero coloro che inneggiavano al pool di Mani Pulite solo pochi anni addietro. Cosa è accaduto? Il puritanesimo e l'ipocrisia hanno preso il sopravvento? Tutti Berlusconiani di ferro? O leghisti giunti allo stremo?
Scritto da Giorgio il 20/10/2011 alle 01:52
Archivi:
Ultimi post:
(7/4/2014 - 08:32)
(4/4/2014 - 08:50)
(2/4/2014 - 16:23)
(1/4/2014 - 10:20)
(31/3/2014 - 11:23)
(30/3/2014 - 10:03)
(28/3/2014 - 08:45)
(26/3/2014 - 08:24)
(24/3/2014 - 08:40)
(23/3/2014 - 09:13)