Politica, istituzioni e territorio. Dialogo oltre i partiti
Giuseppe Adamoli   adamoli1@alice.it
inserito il 27/6/2009 alle 12:41

Bella serata ieri a Tradate, organizzata con passione e intelligenza dal Pd locale. Una di quelle riunioni che conciliano con la politica. Sala gremita, tanti giovani, un tema insolito ma attuale: “Cosa nostra a casa nostra”. Due giornalisti che operano a Milano, Fabio Abati e Igor Greganti, hanno presentato il loro libro “Polo nord”, edito da Selene. Ne raccomando la lettura, si tratta della narrazione di fatti preoccupanti e diffusi di cronaca malavitosa, di omertà, di riciclaggio di denaro “sporco”, di colletti bianchi collusi, di colate di cemento con pesanti infiltrazioni mafiose. Una realtà poco conosciuta ma allarmante.
Il mio contributo doveva mettere in chiaro le grandezze economiche delle grandi opere legate all’Expo 2015. Una cifra sbalorditiva che complessivamente raggiunge, per ferrovie, strade ed altre costruzioni, i 25 miliardi di euro. È vero che questa somma comprende gli stanziamenti per la Pedemontana, la Bre.Be.Mi, la tangenziale est esterna di Milano, ma sono comunque risorse che saranno spese nei prossimi 6/7 anni e che sono “bramate” dalle potenti famiglie mafiose e camorriste che già sono installate nel nostro territorio.
Noi consiglieri del PD abbiamo presentato il 30 ottobre 2008 una proposta di legge per la tutela della sicurezza dei cantieri e la trasparenza degli appalti delle opere dell’Expò. Le finalità principali sono due: la sicurezza dei lavoratori in tutti i cantieri e, appunto, la correttezza degli appalti ponendo in capo all’azienda committente principale la responsabilità in ordine al rispetto di tutte le leggi esistenti.
Nel comune di Milano una simile iniziativa dell’opposizione per l’istituzione di una commissione antimafia è fallita dopo che anche il sindaco ne aveva apprezzato l’intendimento e gli obiettivi. Noi ci batteremo affinché in Regione le cose vadano meglio e le istituzioni facciano interamente la propria parte per il rispetto integrale della legalità.

Tags: pd, milano, Lombardia, expo     Categoria: Idee e proposte, Lombardia
Commenti dei lettori: 10 commenti - scrivi il tuo commento
Se parli con la gente normale ricevi la risposta che da noi la mafia non esiste. Invece c'è e si sente. Ho pochissima simpatia per il PD che ultimamente non ho votato ma vi dico bravi se portate questo fenomeno in evidenza.
Scritto da Castiglioni L. il 27/6/2009 alle 13:45
Parlate di problemi veri come questo e vedrete che ricomincerete a prendere i voti. Questa mattina ho letto una lettera di Paolo Rossi alla Provincia, non ho capito niente salvo che è con Franceschini. Chi se ne frega?
Scritto da Bernasconi R. il 27/6/2009 alle 15:54
Mi piacerebbe sapere che ne pensa Ligresti...
Scritto da Adriano il 27/6/2009 alle 17:34
Hanno fatto fallire la comissione antimafia in comune e faranno lo stesso con la vostra iniziativa in regione. Dovete però andare avanti lo stesso perchè è una scelta giusta.
Scritto da Valceresio il 27/6/2009 alle 17:51
Castiglioni afferma una verità. Qui si ritiene che la sicurezza sia solo lotta contro gli immigrati ma è anche e soprattutto lotta alla malavita organizzata.
Scritto da Luigino il 27/6/2009 alle 18:32
Ottimo argomento da discutere, non ne parla mai nesuno ed è un vero peccato.
Scritto da Rodolfo il 27/6/2009 alle 23:21
Scelta giustissima. La mafia al Nord arrivò per trapianto in seguito alla destinazione al confino in località del Nord di noti e meno noti personaggi mafiosi. Molti anche in provincia di Varese. La cronaca giudiziaria degli ultimi trent'anni lo dimostra. Oggi è vitale una lotta culturale all'illegalità diffusa nella società, occorre far capire quali e quante risorse se ne vanno in quella direzione con la complicità di tanti soggetti economici, sociali, politici.Questa è una vera emergenza.
Scritto da cesare chiericati il 28/6/2009 alle 09:52
Finalmente qualcuno del PD si è accorto che è urgente parlare della mafia degli appalti. Noi cittadini e imprenditori liberi lo sappiamo da tanto tempo.
Scritto da Uno normale il 28/6/2009 alle 10:46
Ci vuole uno sforzo organizzato e congiunto di autorità giudiziarie, di polizia, istituzionali e governative. La malavita c'è ed è un pericolo anche per il funzionamento corretto dell'economia.
Scritto da Fausto il 28/6/2009 alle 13:55
Temi come questo devono essere l'anima del PD. Noi a Tradate abbiamo fatto la nostra piccola parte e continueremo. Grazie a Giuseppe di aver portato il suo prezioso contributo in termini di esperienza e proposte. Il PD deve parlare alla gente:mai tacere sulla mafia,mai scendere a compromessi.Dobbiamo essere vicini agli imprenditori puliti,ai commercianti minacciati del pizzo.Parlarne e' solo il primo passo.
Scritto da Andrea Botta-portavoce PD Tradate il 30/6/2009 alle 18:12
Archivi:
Ultimi post:
(12/6/2014 - 09:06)
(10/6/2014 - 11:29)
(8/6/2014 - 19:04)
(5/6/2014 - 12:08)
(28/5/2014 - 08:54)
(27/5/2014 - 09:40)
(26/5/2014 - 08:10)
(25/5/2014 - 09:04)
(24/5/2014 - 12:08)
(22/5/2014 - 17:23)