Politica, istituzioni e territorio. Dialogo oltre i partiti
Giuseppe Adamoli   adamoli1@alice.it
inserito il 23/9/2009 alle 10:57

Non so se Gigi Petteni, Segretario regionale della Cisl in Lombardia, ce la farà (come ha promesso ieri) oppure no a riportare un po’ di concordia sindacale. Io ci conto. La rottura fra Cisl e Uil da una parte e Cgil dall’altra si è consumata anche nella più grande regione d’Italia, sia pure con meno virulenza che altrove. La consapevolezza che non si possa affrontare la crisi economica, dalla quale siamo tutt’altro che usciti, in ordine sparso, deve però crescere ancora di più. Nella battaglia per gli ammortizzatori sociali l’unità sindacale è stata facilmente preservata. Sulla contrattazione territoriale di secondo livello, che io condivido, l’impresa è più difficile, ma non può non essere tentata.
Io penso che la Cisl debba tenere sotto controllo la sua (qualche volta ansiosa) disponibilità a trovare accordi con il governo anche senza la Cgil, così come credo che la Cgil sbagli fortemente a frenare innovazioni, anche sperimentali, nelle relazioni industriali.

Tags: Lombardia, uil, CISL, Cgil     Categoria: Lombardia
Commenti dei lettori: 7 commenti - scrivi il tuo commento
Ieri ho partecipato all'attivo dei delegati e dirigenti della CISL nel quale Gigi Petteni ha lanciato l'appello all'unità confederale sulle proposte per superare la crisi. In quella stessa sede lo stesso Bonanni ha ribadito l'impegno della CISL a fare proposte concrete, libere da condizionamenti e pregiudizi politici. Si fa sindacato! Sul modello contrattuale i segnali sono positivi: la CGIL ha firmato il contratto degli alimentari che si basa sul nuovo modello. La crisi impone responsabilità.
Scritto da Nicola Lombardo CISL-FP Regione Lombardia il 23/9/2009 alle 11:11
Pensi che in Lombardia si possa ottenere ciò che a livello nazionale è quasi impossibile? Mi pare una illusione.
Scritto da Antonio S. il 23/9/2009 alle 11:38
Bella l'ultima frase. Significativa di quello che tu sei veramente, un moroteo fatto e finito. Detto da me è un complimento.
Scritto da Ghiringhelli il 23/9/2009 alle 12:26
le INNOVAZIONI ANCHE SPERIMENTALI sono frutto del clima politico e sindacale del momento, negli ultimi 15-20 anni tutte le innovazioni hanno portato ad un solo risultato, peggioramento delle condizioni di vita ed economiche dei lavoratori, sia che siano state sottoscritte unitariamente o meno, caro Adamoli dimostrami il contrario.
Scritto da angelo il 23/9/2009 alle 13:52
Mi piace l'unità sindacale ma nella chiarezza. Altrimenti è meno peggio la divisione.
Scritto da Marangoni L. il 23/9/2009 alle 14:16
Io dico che con l'unità è più possibile trovare degli accordi a vantaggio dei lavoratori che hanno già pagato troppo caro la crisi.
Scritto da Un iscritto Cisl il 23/9/2009 alle 15:35
Lavoro a Milano e l'idea che i sindacati siano presi più a fare politica che altro non mi soddisfa affatto.
Scritto da Giuseppe V. il 23/9/2009 alle 20:50
Archivi:
Ultimi post:
(12/6/2014 - 09:06)
(10/6/2014 - 11:29)
(8/6/2014 - 19:04)
(5/6/2014 - 12:08)
(28/5/2014 - 08:54)
(27/5/2014 - 09:40)
(26/5/2014 - 08:10)
(25/5/2014 - 09:04)
(24/5/2014 - 12:08)
(22/5/2014 - 17:23)