Politica, istituzioni e territorio. Dialogo oltre i partiti
Giuseppe Adamoli   adamoli1@alice.it
inserito il 16/2/2010 alle 10:17

Mi è stato richiesto a più riprese di chiarire come mai è possibile per Roberto Formigoni la quarta ricandidatura a presidente quando questo privilegio è vietato ai sindaci anche dei comuni più piccoli. È una domanda non banale che merita una risposta sintetica, ma circostanziata.
1 – Questa questione non è normata nel nuovo Statuto di Autonomia della Lombardia in quanto il sistema di elezione e i casi di ineleggibilià del presidente, degli assessori e dei consiglieri regionali sono disciplinati, per volere della Costituzione, dalla legge elettorale regionale con l’osservanza dei principi fondamentali stabiliti con legge della Repubblica;
2 – in realtà la legge 165 del 2004 stabilisce già la non immediata rieleggibilità allo scadere del secondo mandato consecutivo. Ma si tratta di una norma di principio che, secondo la grandissima parte della dottrina, deve essere recepita nella legge elettorale regionale;
3 – nei punti che come presidente della Commissione Statuto avevo indicato per la futura legge elettorale, l’ineleggibilità era inclusa e non poteva che essere così. Questa è una delle ragioni, non certamente la sola, per cui la maggioranza non ha voluto approvare le legge elettorale;
4 – una tale disciplina, sempre secondo il parere di quasi tutti gli esperti e i giuristi, sarebbe stata valida per il futuro cioè non avrebbe impedito a Formigoni di ricandidarsi, ma lo avrebbe messo in un serissimo imbarazzo politico.
La conclusione amara è che il presidente di una grande regione che assomma una massa enorme di potere può inanellare mandati su mandati. Il rischio è quello del consolidamento di clientele, di incrostazioni, di vizi amministrativi e politici che nuociono alla trasparenza dell’istituzione. Ma ciò che non è impedito dalle regole, può essere evitato dal voto popolare in favore dell’alternativa di governo. È questa la posta in palio il 28 e 29 marzo.

Commenti dei lettori: 33 commenti - scrivi il tuo commento
La vera conclusione amara è che in vent'anni non si è riuscito a trovare qualcuno che mandasse a casa il celeste! Ormai questi fanno maggioranza e opposizione e gli altri giocano a boccette al parco. Che noia!
Scritto da Lele il 16/2/2010 alle 11:18
Su altro blog, tempo addietro, ci venne risposto che la legge 165 del 2004 (non rieleggibilità dopo due mandati consecutivi), non ha valenza retroattiva, ma decorre da quell'anno. "Mister Lombardia 3" può pertanto essere eletto, se eletto, ancora una volta (che sarebbe, dopo quella legge non retroattiva, la seconda volta consecutiva e, anche, l'ultima, per lui, SE eletto). Così ci informarono...
Scritto da Legnanesi e Bustocchi il 16/2/2010 alle 11:29
Sig Adamoli a giocare con il fuoco si rischia di scottarsi...Gallarate "Ridateci i nostri soldi": l'Anpi contro la Protezione Civile La sezione cittadina dell'associazione partigiana chiede la restituzione della somma versata per l'emergenza terremoto. "Avevamo avvertito che avremmo vigilato sull'operato" Inzigare gli animi succede anche questo, c'è solo da vergognarsi e dire VERGOGNA all'Ampi di Gallarate
Scritto da Umberto il 16/2/2010 alle 11:51
E' il caso di sottolineare "i vizi amministrativi e politici". Dopo il Santa Rita, le bonifiche, Prosperini e tutto il resto gli elettori dovrebbero riflettere.
Scritto da Gustav il 16/2/2010 alle 11:57
Interessante è l'analisi riportata al seguente link in cui viene motivata, dal punto di vista legale, l'ineleggibilità di Formigoni : http://www.civati.it/notaangioliniterzomandato.pdf Redatto a cura dal Prof. Avv. Vittorio Angiolini Ordinario di Diritto Costituzionale nell'Università di Milano e dal Prof. Avv. Marco Cuniderti Associato di Diritto Pubblico dell'informazione nell'Università di Milano.
Scritto da Domenico il 16/2/2010 alle 12:12
La conclusione, Lele, è che oggi la palla passa agli elettori che hanno la possibilità di fare ciò che le leggi colpevolmente non hanno fatto.
Scritto da Giacomina il 16/2/2010 alle 12:15
Caro Adamoli, essere "stabili" (o stabilizzati) in un determinato centro di potere è davvero un grave rischio, da te molto ben evidenziato nella conclusione del post. Sentivamo Di Pietro dire che quando fu ministro aveva dato disposizioni per far "girare", ruotare, alternare, le cariche dei "capi" nei vari settori. (Qualche vescovo "invita" a non restare parroci per oltre tot anni nella stessa parrocchia... proprio per evitare l'assuefazione al quieto con-vivere). Deve diventare una regola.
Scritto da Robecco sul Naviglio il 16/2/2010 alle 13:53
cara giacomina, tutto è possibile...., ma per me ha ragione Lele...
Scritto da enzino il 16/2/2010 alle 13:57
E battiamolo sul campo Formigoni! Sulle regole elettorali credete a ciò che afferma Adamoli. E' un esperto che parla solo a ragion veduta. Se dice così è perchè è così.
Scritto da Staff sinistra in regione il 16/2/2010 alle 13:59
@Umberto. Scusa, ma abbiamo inteso bene? L'Anpi chiede la restituzione della somma versata alla Protezione Civile per l'emergenza terremoto a causa... di cosa? Forse è soltanto una forma di protesta per via di fatti denunziati... Doveroso, sacrosanto controllare e vigilare. Ma, oggettivamente, quanto bene è stato fatto da tantissima gente generosa e altruista: e per fortuna che c'è!
Scritto da Rosella il 16/2/2010 alle 14:04
@ Domenico L'analisi di Vittorio Angiolini, professore universitario e candidato del PD alle regionali in Lombardia sarà anche interessante, ma ha ragione mille volte Adamoli. Formigoni per tua e mia disdetta è eleggibilissimo dal punto di vista giuridico.
Scritto da Ricercatore alla Statale il 16/2/2010 alle 14:08
Giacomina forse appare ingenua ma indica una strada percorribile. Bisogna vincere la rassegnazione ad una sconfitta senza appello.
Scritto da Robin Hood il 16/2/2010 alle 14:15
A mio modo di interpretare la volontà di Formigoni di governare ancora per un mandato la Regione è perché lui ha mire romane. Non vedo altra via, considerando che la sua eventuale uscita di scena,lasciando posto ad altri, in questo momento lo vedrebbe "cassintegrato". L'apoteosi successiva l'Expo e l'età sempre più avanzata dell'altro brianzolo mi fanno pensare in questa via d'uscita non secondaria. Non so se il Roberto è ambizioso e se io mi sbaglio e faccio solo fantapolitica.
Scritto da penna42 il 16/2/2010 alle 14:42
Dibattito un po' povero: fatto di "secondo la grandissima parte della dottrina" e "secondo me ha ragione quello" o "ha ragione questo". Sarebbero proficui un po' di argomenti un po' più approfonditi, come quelli forniti da Andreoli. Così magari capiamo meglio invece di sentir dire "è così" o "non è così". Che una "norma di principio" possa essere del tutto trascurata, per esempio, mi pare meriti maggiori spiegazioni.
Scritto da Marvin il 16/2/2010 alle 15:38
Adamoli, tutto bene ma perchè sabato eri in prima fila ad ascoltare Formigoni in una manifestazione elettorale?
Scritto da Uno di Varese il 16/2/2010 alle 16:23
Rosella ha ragione da vendere. Caro Umberto mi sembri fuori contatto con la realtà.
Scritto da Zanzi A. il 16/2/2010 alle 16:27
@ Legnanesi e Bustocchi - Non so a quale blog vi riferiate. Ne sento di tutti i colori per disinformazione o per propaganda o per una diversa interpretazione (del tutto minoritaria) delle leggi in vigore. Avendo "maneggiato" la materia per lungo tempo come presidente della Commissione Statuto sono tranquillo sul fatto che la norma di principio contenuta nella legge del 2004 deve essere obbligatoriamente recepita da una legge regionale.
Scritto da Giuseppe Adamoli il 16/2/2010 alle 16:50
Caro Adamoli, era la risposta di un commentatore allo stesso quesito. Il fatto che el Furmigùn si ripresenti è legale, pensiamo. Però difronte alla tua esposizione preferiamo ovviamente zittire: "ubi maior, minor cessat". La nostra attenzione è sempre una: conoscere la verità dei fatti. Non vogliamo assolutamente debordare da questa linea. Speriamo di non aver riportato una non verità. Nel qual caso, parola torna indietro e soprattutto: pardòn! a te e a tutti. Grazie.
Scritto da Legnanesi e Bustocchi 2 il 16/2/2010 alle 17:09
Sei convincente come (quasi) sempre. Ma questa volta hai trascurato di dire che anche Errani, Presidente rosso dell'Emilia Romagna, si è ricandidato per la terza volta. Non per la quarta, certo, ma anche lui al di là delle due classiche legislature.
Scritto da Il perfido il 16/2/2010 alle 17:22
Ah, ecco: su richiesta di argomenti più approfonditi si ottiene "sono tranquillo sul fatto che". Facciamo che aspettiamo che se ne occupi qualcun altro, meglio.
Scritto da Marvin il 16/2/2010 alle 17:52
Caro Marvin, davvero non capisco. Sono tranquillo perchè, da presidente della Commissione Statuto, mi sono occupato in profondità di questo problema (che poi la maggioranza regionale ha pensato bene di sottrarmi) con l'aiuto di esperti qualificatissimi tutti concordi sull'interpretazione che ho enunciato. Questo sia a Milano che in Italia. So bene che qualche giurista la pensa in altro modo ma è quasi una mosca bianca. Dispiace anche a me ma è così.
Scritto da Giuseppe Adamoli il 16/2/2010 alle 19:25
Sul piano politico e del comportamento Formigoni dovrebbe andarsene, su questo non c'è dubbio. Sul piano delle regole purtroppo, lo ripeto, solo la legge regionale può allontanare il presidente dopo due mandati consecutivi. Quest'ultima DEVE includere il principio della non rieleggibilità.
Scritto da Ricercatore alla Statale il 16/2/2010 alle 20:03
Caro Adamoli, vengo dai DS e ti stimo moltissimo. Circolano voci strane sul fatto che appoggerai un candidato alle regionali e poi ti staccherai dal PD. Ti sollecito la risposta alla domanda di "uno di Varese". Grazie. Spero che non sia vero.
Scritto da Uno che ti stima il 16/2/2010 alle 20:18
Chi è così convinto che Formigoni non sia rieleggibile perchè non fa ricorso?
Scritto da Albertone da Giussano il 16/2/2010 alle 21:04
Ci vogliono persone serie; non c'entra l'età o il numero dei mandati. Tocca, in democrazia, ai cittadini decjdere chi e quanto devono restare. Sono i meccanismi decisionali e l'ampiezza dei poteri che devono essere rivisitati. Adamoli alla convention di Cattaneo? solo nostalgia democristiana. I congressi del Pd non entusiasmano
Scritto da pensionato il 16/2/2010 alle 21:27
Figuriamoci! Se ci fosse stata la possibilità di fermare la quarta ricandidatura di Formigoni i partiti dell'opposizione e la stessa Lega l'avrebbero colta. Adesso pensiamo a fare una bella campagna elettorale.
Scritto da Luca C. il 16/2/2010 alle 22:56
http://www.youtube.com/watch?v=vbaOs4ydeWs
Scritto da raissa il 16/2/2010 alle 23:54
Sono d'accordo con pensionato, quando dice che Formigoni deve essere mandato a casa non perché ha superato il numero di mandati, ma perché non è all'altezza di dirigere la Lombardia, come ha dimostrato in questi anni.
Scritto da Adriano il 17/2/2010 alle 09:31
@ Uno di Varese e Uno che ti stima - Alle domande che fate dedicherò un post domani o dopodomani.
Scritto da Giuseppe Adamoli il 17/2/2010 alle 09:44
A chiunque, di destra, sinistra, centro,lega, o quant'altro, interessi conoscere il vero volto del sistema monarchico regionaledi Roberto, uno di noi, consiglio il libro di Enrico De Alessandri : "Comunione e Liberazione: assalto al potere in Lombardia", molto ben scritto e molto ben documentato. Un saluto.
Scritto da Carlo il 17/2/2010 alle 12:32
Caro Adamoli, non bisognerebbe mai sovrapporre alle ragioni di diritto, o anche solo ai dubbi, la difesa del proprio operato politico. Sull'ineleggibilità di Formigoni, in chiave giuridica, deciderà il giudice. Ma il dire che non ci sia dubbio, circa un chiaro divieto stabilito dalla l. n.165 del 2004, mi pare equivalga solo a difendere il silenzio sul problema della politica, che, almeno quanto al PD, non ha scusanti. Con stima ed affetto, Vittorio Angiolini
Scritto da vittorio angiolini il 17/2/2010 alle 18:16
Caro Angiolini, ti ringrazio molto per l'intervento. Due precisazioni soltanto. Il PD, e in modo particolare io come presidente della commissione speciale, volevamo fortemente approvare la legge regionale che avrebbe contenuto il divieto di candidarsi presidente dopo due mandati consecutivi. La mia bozza ne fa testo. Quanto al giudizio legale su Formigoni spero che tu abbia ragione. Ma registro che la gran parte dei tuoi colleghi accademici è di avviso contrario. Con un cordialissimo saluto.
Scritto da Giuseppe Adamoli il 18/2/2010 alle 09:29
Carissimo Adamoli, come sempre sei stato chiaro nell'esporre il problema, fornendo anche documentazione in merito. P.S. - Credo proprio mancherà il tuo contributo al Gruppo regionale. Grazie e a presto
Scritto da vincenzo rocco il 18/2/2010 alle 23:38
Archivi:
Ultimi post:
(12/6/2014 - 09:06)
(10/6/2014 - 11:29)
(8/6/2014 - 19:04)
(5/6/2014 - 12:08)
(28/5/2014 - 08:54)
(27/5/2014 - 09:40)
(26/5/2014 - 08:10)
(25/5/2014 - 09:04)
(24/5/2014 - 12:08)
(22/5/2014 - 17:23)