Politica, istituzioni e territorio. Dialogo oltre i partiti
Giuseppe Adamoli   adamoli1@alice.it
inserito il 6/3/2010 alle 08:58

La morale della favola del Consiglio dei Ministri di ieri col suo Decreto salva Formigoni?
Per tutti le leggi si applicano, per gli amici si interpretano.

Commenti dei lettori: 36 commenti - scrivi il tuo commento
Sono indignato. Danno l'esempio per essere furbi e non rispettosi della regole.
Scritto da Lucifero il 6/3/2010 alle 09:07
Ero qui in attesa della tua reazione. In due righe il succo di quanto avvenuto. Sono contento che ci sia confronto elettorale vero ma arrabbiato per il modo che si è usato.
Scritto da Pigi il 6/3/2010 alle 09:09
Caro Giuseppe, io comincio a essere stanca... come fate voi a scofanarvi giorno per giorno robe come queste, non so... http://laradman.splinder.com/post/22353408/Il+mio+senso+dello+Stato+sangu
Scritto da Stefania il 6/3/2010 alle 09:48
ma di che cosa ci meravigliamo, un amico nei giorni scorsi mi ha detto che quando crollerà questo sistema messo in piedi dal berlusconismo chi ci sarà avrà tanto fango da spalare per anni e anni. Quello che più rattrista è il danno profondo che si sta provocando nelle coscienze delle nuove generazioni, ai giovani si insegna, "FAI DI TUTTO PER ESSERE IL PIU' FORTE, STAI SEMPRE CON IL PIU' FORTE, SOLO COSI CI SARA' LA TUA SALVEZZA". la legge non è uguale x tutti. grazie lega complice.
Scritto da robinews il 6/3/2010 alle 10:33
@Stefania. Chi la dura la vince... Per fortuna che esistono persone che sanno sopportare e cercano di essere e vivere coerenza e testimonianza ai valori, quelli veri: sparissero anche queste persone, saremmo tutti al limbo, o all'inferno di chi si crede padre eterno immortale... Bisogna sostenerle e cercare di essere sensibili ad una mentalità di giustizia, che esca dal nostro egoistico orticello di sicurezze sociali, economiche... A partire da noi stessi, per primi.
Scritto da Legnanesi e Bustocchi il 6/3/2010 alle 10:40
caro giuseppe, cosa aspettiamo ad urlare LEGA NORD ROMANA LADRONA IL POPOLO ITALIANO NON PERDONA??? questi mistificatori stanno inondando il nord con il loro manifesto che da 20 anni dice "roma ladrona la lega non perdona" , negli ultimi 10 anni per quasi 8 anni governano loro da roma coprendo ogni illegalità e ladrocinio. BASTA!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
Scritto da robinews il 6/3/2010 alle 10:47
Giolitti ancora attuale. Bravo Adamoli. Mi sento ancora una volta offeso dalla mia Nazione. Chiaro che il diritto al voto è sacrosanto, ma idovrebbe valere anche il diritto di essere governato correttamente e in maniera trasparente, LIBERALE e non STATALISTA. Il mio dovere cerco di farlo, come la stragrande maggioranza degli italiani. La "legge morale dentro di me" non vacilla. Però vibra per la presa in giro. Chiediamo il decreto: "interpretazione della scadenza della revisione auto?" :-)
Scritto da FrancescoG. il 6/3/2010 alle 11:14
Se Lega e PDL non pagheranno un prezzo alto per queste pratiche che mettono il potere al di sopra delle leggi non c'è nessuna speranza di ripristinare la legalità.
Scritto da Alessia il 6/3/2010 alle 11:38
La morale è quella che dicevo ieri in un altro post. Chi può fa quel che vuole. I doveri sono un optional per chi comanda.
Scritto da Giornalista in erba il 6/3/2010 alle 11:41
Il TAR cosa vuoi che decida? Gli hanno praticamente imposto la soluzione a questi giudici talebani. In una riunione a Bergamo stamattina ho visto tanta rabbia. Speriamo.
Scritto da Un PD Bergamo il 6/3/2010 alle 11:45
Caro Giuseppe, stiamo andando verso un regime dittatoriale. Si cambiano le leggi per non fare i processi al premier, si attacca la magistratura con insulti da bar dello sport, si attacca il capo dello Stato quando non è d'accordo con la cricca, ora si cambia la legge elettorale per non essere esclusi. Gli altri partiti, esclusi nel passato per ragioni analoghe, cosa devono dire ? Spero vi sia una grande manifestazione popolare (dovremo essere milioni )per fermare questa deriva pericolosissima.
Scritto da Riccardo Demaria il 6/3/2010 alle 11:46
Capisco l'indignazione ma cosa volevate? L'esclusione del 65% degli elettori lombardi? Volevate vincere da soli? Posso accettare il sarcasmo di Adamoli le altre accuse le trovo fuori posto.
Scritto da Un PDL tiepido il 6/3/2010 alle 12:27
FrancescoG ha fatto un commento che sottoscrivo totalmente. Su questo blog la qualità del dibattito è elevata. Complimenti a tutti quelli che scrivono.
Scritto da De Lucia il 6/3/2010 alle 12:29
Mi ha colpito il primo commento di Robinews sulla legge del più forte, sempre e dovunque. Sono uno molto incerto, però forse vado a votare.
Scritto da Un apolitico il 6/3/2010 alle 12:33
Ero un simpatizzante dell' attuale governo. Ora non lo votero', perche se non si e' capaci di gestire 3500 firme come si puo' essere capaci di gestire leggi per 60 milioni di persone! Una cosa mi rattrista nel modo di fare delle opposizioni, si sono dimenticati del primo articolo della Costituzione. Vero che questa manova rasenta il ridicolo , ma ci siamo dimenticati: "La sovranita' appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione"... Al popolo non ai partiti !
Scritto da Daniele il 6/3/2010 alle 12:43
Una brutta lezione di finta democrazia quella che ci stanno dando.
Scritto da Luisa Oprandi il 6/3/2010 alle 14:05
Non ci sono parole. Spero che gli elettori gliela facciano pagare almeno un pò.
Scritto da Andrea il 6/3/2010 alle 14:19
OK avete ragione però non esagerate come Di Pietro. Vi porta male e vi fa perdere i voti.
Scritto da Uno qualunque il 6/3/2010 alle 14:44
Io avrei vergogna di vincere perchè non c'è l'avversario. Il diritto a votare del cittadino è un diritto costituzionale e deve prevalere sulla forma di un timbro. Il cittadino ha la possibilità, votando ,di esprimere il proprio giudizio anche su questi episodi. La rabbia mi sembra espressione di chi non riesce a vincere nelle urne e si aggrappa a questi mezzucci burocratici. L'attuale sinistra fa rimpiangere il vecchio PCI
Scritto da pensionato il 6/3/2010 alle 15:25
Lista Formigoni ammessa. Maroni che aveva detto o ad un decreto dovrebbe vergognarsi.
Scritto da Ex leghista Varese il 6/3/2010 alle 18:03
Adesso Formigoni andrà avanti ancora con la buffonata del controllo delle altre liste? Il Celeste si è sfracellato al suolo. Settimana prossima ti vedrò con piacere in provicnia di Pavia.
Scritto da PD Pavia il 6/3/2010 alle 19:02
Caro Giuseppe, quanto pagherà Formigoni per questa dimostrazione di inefficenza e superficialità?
Scritto da Piccolo G. il 6/3/2010 alle 20:16
Scusa pensionato (e anche tu, Pdl tiepido), sono d'accordo che non si poteva escludere una parte consistente dell'elettorato (che spero che dopo questa vicenda cambi idea). Però: 1) non si tratta solo della "forma di un timbro". Ci sono firme non autenticate (molte) e addirittura chi si è presentato dopo i termini consentiti, come a Roma 2) questi mezzucci burocratici li ha voluti proprio il centrodestra, per ostacolare i piccoli partiti (e infatti i Radicali in Lombardia sono rimasti fuori) 3) invece di accusare gli altri (che non hanno nessun colpa) sarebbe stato serio ed opportuno da parte del centrodestra riconoscere i propri errori 4) in questo modo si sarebbe potuto fare appello alla sensibilità delle opposizioni e cercare quindi una soluzione politica, anziché tirare fuori un provvedimento così arbitrario, con oltretutto seri dubbi di anticostituzionalità, e quindi il rischio di farci ritrovare magari tra un anno di nuovo a votare. Non ci piace vincere facile, però nemmeno è giusto essere al di sopra delle regole: credo sia ancora più vergognoso. E non vedo rabbia da parte nostra, ma giustificata e serena indignazione. Rabbia ed arroganza le ho sentite nei giorni scorsi da parte di chi era causa del suo male. Rimpiangete il vecchio PCI? Sarà forse perché abbiamo un governo che agisce come un soviet? E poi basta con queste storie dei comunisti: al di là che siamo nel 21° secolo, ma sembrate anche dei pappagalli che ripetono le frasi del padrone. Noi poi cosa dovremmo dire, visto che il Pdl ha fatto arrivare in Parlamento un uomo della 'ndrangheta?
Scritto da pino il 6/3/2010 alle 20:16
Pino mi convince anche se non avrei desiderato una campagna elettorale senza Formigoni. Adesso chi vuole può batterlo sul campo. Io ci sto pensando. Con Adamoli avrei sicuramente votato per lui.
Scritto da Un PD Cardano il 6/3/2010 alle 20:22
Forse è meglio così, se la il Formigoni è strato riammesso dal Tar Lombardia. Avevamo sentito commenti di gente decisa a sostenere in massa una lista precisa qualora non avessero potuto votare el Furmigùn. Con il rischio che quella lista avrebbe potuto vincere! Ci vengono i brividi solo a pensarlo. Rimane inalterato tutto il gran can can mediatico con annesi e connessi che tutti ben conosciamo. E che lasciano comunque un segno, e che segno!
Scritto da Legnanesi e Bustocchi 2 il 6/3/2010 alle 20:26
x PD Cardano: io sono uno di quelli che auspicava una soluzione politica, con consenso di tutti, proprio per permettere a Formigoni di partecipare. Però così sembra che il pasticcio l'abbiamo creato noi e che loro l'hanno risolto. Eh no, questo proprio non mi va!
Scritto da pino il 6/3/2010 alle 21:21
Ho firmato "Un PD di Cardano" anziché "Un elettore di Cardano". Chissà perchè? Non sono mai stato iscritto a nessun partito.
Scritto da Un elettore di Cardano il 6/3/2010 alle 21:46
Di Pietro straparla. Che razza di alleati abbiamo con noi? L'ho sentita oggi al De Filippi. Lei è stato fantastico. Alessandro ha on ottimo riferimento.
Scritto da Giovane simpatizzante il 6/3/2010 alle 21:56
Per Legnanesi e Bustocchi. Il can can mediatico lascia un gran segno, dite voi. Io lo spero nel senso di far capire che il centrodestra non è così affidabile.
Scritto da Albertone da Giussano il 6/3/2010 alle 22:55
Il TAR ha deciso. Per forza gli hanno fatto trovare l'interpretazione tagliata su misura. Maroni che figuraccia di palta! Mi è piaciuto Napolitano e non affatto Di Pietro.
Scritto da Un altro ex leghista il 6/3/2010 alle 23:18
"il Governo ha messo il potere sopra le regole", è il commento di Giuseppe Adamoli, consigliere uscente del Pd. Caro Adamoli il governo ha messo il POPOLO sopra le regole interpretate da faziosi
Scritto da Pensionato il 7/3/2010 alle 01:15
Dalla stampa di oggi, dopo l'intervento di Napolitano: "Di Pietro chiede l'impeachment del Presidente della Repubblica. Bersani tace. E acconsente". Tutti avanzano le loro motivazioni, mentre in Lombardia il Tar (ri)ammette la lista di Formigoni, come se nulla fosse accaduto. Anche in questi casi, tutto da interpretare? Noi stentiamo a capire le ragioni di tutti mentre i soliti buontemponi ci dicono di non farci il sangue amaro e... "fregarcene" chè, sostengono, "non cambia mai niente".
Scritto da Rosella e Carlo il 7/3/2010 alle 08:47
"Rimpiangete il vecchio PCI? Sarà forse perché abbiamo un governo che agisce come un soviet". Grazie Pino. Grazie a De Lucia per la condivisione. Il POPOLO democraticamente si da delle regole. Alcuni, forse meno democraticamente, le interpretano. Magari c'è un complotto anche qui? Il diritto al voto vale tantissimo: è stato detto in mille modi. L'intervento "colpo di spugna" me l'aspetto. Non mi aspetto l'assuefazione da parte dei cittadini. Nemmeno da quelli in pensione.
Scritto da FrancescoG. il 7/3/2010 alle 13:49
Il dibattito è bello quanto più sono diverse le voci che vi partecipano. Soprattutto su questo blog, dove i commenti sono spesso di alto livello, al pari dei post dell'autore. Per questo apprezzo anche i commenti di chi appartiene o segue idee politiche di altra fazione. Pensate che monotonia e piattezza sarebbe! E soprattutto, senza scambio di idee, non vi è crescita. Però mi chiedo: persone come pensionato, così acide nei confronti del centrosinistra e soprattutto con Adamoli , avranno avuto in questa occasione l'onestà intellettuale di andare sui siti del loro partito a protestare con i propri dirigenti per il pasticcio combinato? Perché, caro pensionato, QUESTE regole le ha imposte il centrodestra e poi non è riuscito a rispettarle per incapacità e beghe interne (c'era da valutare la posizione nel listino della competente "igienista dentale" di Berlusconi...). Sarebbe stata un'anomalia escludere il centrodestra: ma di chi era la colpa? Quindi, piantiamola di fare vittimismi inutili, visto che oggi anche la CEI ha criticato aspramente il decreto. O forse anche i vescovi sono diventati comunisti?
Scritto da pino il 7/3/2010 alle 15:08
@pino. Hai ragione su tutto. Tranne che, per la precisione, sulla CEI che ha rettificato le libere, personali affermazioni di un suo esponente, fatte in precedenza, e dichiarandosi ufficialmente estranea... alle beghe nostrane (come è giusto che sia).
Scritto da Roscar il 8/3/2010 alle 09:56
La CEI ha chiarito la sua posizione, dichiarandosi estranea alla questione "tecnica". Ma il commento del Vescovo in questione non è stato rettificato, e rimane il giudizio negativo. Tra l'altro, il Vescovo che ha parlato è responsabile nella CEI proprio delle questioni giuridiche. Più di così!
Scritto da pino il 8/3/2010 alle 11:01
Archivi:
Ultimi post:
(12/6/2014 - 09:06)
(10/6/2014 - 11:29)
(8/6/2014 - 19:04)
(5/6/2014 - 12:08)
(28/5/2014 - 08:54)
(27/5/2014 - 09:40)
(26/5/2014 - 08:10)
(25/5/2014 - 09:04)
(24/5/2014 - 12:08)
(22/5/2014 - 17:23)