Politica, istituzioni e territorio. Dialogo oltre i partiti
Giuseppe Adamoli   adamoli1@alice.it
inserito il 26/11/2011 alle 12:18

 

 

Umberto Bossi: “iI governo Monti fa schifo”.
Parla a nome dei tuoi cari e smettila di parlare in nome di Varese, della Lombardia, del Nord. Tu non ci rappresenti.
Cosa dovremmo dire noi del tuo governo che ha sempre vergognosamente negato la crisi?
 


 
Commenti dei lettori: 49 commenti - scrivi il tuo commento
Giustissimo scatto di orgoglio territoriale e politico.
Scritto da Il pirata il 26/11/2011 alle 12:27
Concordo pienamente. Bossi e i leghisti s'illudono di essere legittimati a parlare in nome di tutti i lombardi. Ma la loro è soltanto una consapevole finzione, da sempre. Molto spesso, con arroganza rivendicano una rappresentanza assoluta che nessun presunto “popolo lombardo” ha attribuito loro. Pertanto, Bossi e leghisti possono correttamente parlare soltanto per quei lombardi che democraticamente hanno espresso il loro voto alla Lega. L'auspicio è che a qualcuno, una volta trovatosi fuori dal governo e dai suntuosi palazzi romani, non venga voglia di riprendere il cammino della secessione e di “tirare fuori i fucili”, come lo stesso Bossi minacciosamente tuonò nell’agosto 2007 dal palco di Passo San Marco, in provincia di Bergamo. Sappiano bene i leghisti che, in caso di secessione, i loro non saranno gli unici fucili ad essere imbracciati…
Scritto da Leonardo C. il 26/11/2011 alle 12:33
Era ora dirglielo in faccia. Non mi ha mai rappresentato.
Scritto da Giovanni Costa il 26/11/2011 alle 13:04
Con quello che ha fatto al governo dovrebbe stare zitto per sempre.
Scritto da Pd Pavia il 26/11/2011 alle 13:05
Voglio usare un registro verbale che solitamente non mi appartiene, ma con individui come Umberto Bossi credo che non ci sia altro da fare. "Il raglio degli asini non arriva in cielo". Ecco, sarebbe ora di considerare così le boutade, le volgarità, le oscenità a sfondo sessuale (il maschilismo becero, non dimentichiamolo, è di casa nella Lega) del leader della Lega. Per quanto ci riguarda, non curiamoci di lui, ma andiamo oltre.Personalmente sono stufo che gli si dia credito ancora.
Scritto da Mariuccio Bianchi il 26/11/2011 alle 13:28
Bossi è responsabile come Berlusconi della particolare gravità della crisi italiana. In più ha sempre approvato tutte le leggi ad personam dell'ex premier. VERGOGNA.
Scritto da Gloria Pirola il 26/11/2011 alle 13:40
@Leonardo C.: "Sappiano bene i leghisti che, in caso di secessione, i loro non saranno gli unici fucili ad essere imbracciati…" Approvo e sottoscrivo. Credo anche a Varese, ma a Milano siamo la grande maggioranza a pensarla così.
Scritto da Botta Carlo il 26/11/2011 alle 13:50
Soltanto la “pietas” che mi è stata inculcata dalla rigida educazione, mi impedisce di maramaldeggiare; certo che con chi non ha altri argomenti che mostrare il dito medio, farfugliare frasi sconnesse e dal dubbio costrutto, a qualche tentazione maramaldesca rischierei di soccombere. Diamoci un colpo di reni “facciamo i Signori”. Però tutti all’unisono possiamo gridare alto e forte: “TU NON CI RAPPRESENTI”. Mi torna alla mente la famosa battuta di Totò: “Signori si nasce e io lo nacqui”. Qualcuno, con la politica, si è arricchito, ma “Signore” non solo non lo “nacque”; non lo è mai diventato.
Scritto da Angelo Eberli il 26/11/2011 alle 13:59
Mi stupisco molto che fra i frequentatori del blog si parli di fucili più o meno padani. Gradirei proposte ed idee, lasciamo ad altri questi linguaggi.
Scritto da Grillo parlante il 26/11/2011 alle 14:28
E chi se ne frega di Bossi in questo momento! Per il potere che ha....meglio lasciarlo cadere nell'ombra, non vale un tuo post caro Adamoli..
Scritto da Venere strabica il 26/11/2011 alle 14:28
A Roma i leghisti hanno solo raccattato posti. L'altro giorno ho scritto un commento sul presidente della provincia Dario Galli. E' nel Cda di Finmeccanica, nel Cda di Fideuram e prende il vitalizio di ex parlamentare, oltre allo stipendio di presidente della provincia.
Scritto da Un varesino il 26/11/2011 alle 15:03
Condivido @Angelo Eberli
Scritto da Francesca Colombo il 26/11/2011 alle 15:10
A Bossi si può rispondere che lui al Governo ha fatto schifo non avendo prodotto che chiacchiere e sottomissione al suo compare Silvio. Gli va ricordato che in passato tuonava che chi possiede il monopolio dell'informazione televisiva e di gran parte della stampa non può candidarsi a premier se non in qualche Paese sudamerica- no.Ora l'Umberto non può che riprendere a dire stupidaggini per il suo popolo boccalone che gradisce anche i suoi molti gesti osceni che fanno ribrezzo.Si vergogni!!!!!
Scritto da Ravani il 26/11/2011 alle 15:54
@Un varesino, per quanto riguarda le cariche e le prebende Galli è solo secondo o terzo dopo la famiglia Bossi e la famiglia Speroni-Reguzzoni che hanno fatto incetta di posti pagatissimi.
Scritto da G.S. il 26/11/2011 alle 15:55
Da quale pulpito!!!!Se c'è qualcosa di schifoso sono i politici e i loro privilegi.Basta!!!Se è un momento serio e di grandi sacrifici, partiamo da loro...dagli intoccabili che devono smetterla di far indignare chi non arriva a fine mese o ha perso un posto di lavoro ,mentre loro possono avere più incarichi e accumulare introiti vergognosi.La casta offende la povera gente e Bossi stia zitto che di cretinate ne ha dette abbastanza
Scritto da ora basta! il 26/11/2011 alle 16:03
Bossi ha ripreso il suo posto naturale fra la gente che lavora e fa fatica. E' tornato a essere il nostro scudo. Evviva Bossi.
Scritto da Basso Luca il 26/11/2011 alle 16:25
Concordo ....ci hanno cacciato nei guai, i risparmi delle famiglie sono in pericolo e Bossi non ha altro di meglio da dire ! Che si vergonino Lui e tutti i fanatici che lo seguono . Per il nord sono un'autentica vergogna, non fanno altro che predicare male del loro paese . Basta indulgenze e comprensione da parte del PD nei confronti della Lega.
Scritto da Pietro il 26/11/2011 alle 17:54
Certamente, Bossi rappresenta solo i suoi e sta alzando i toni in maniera sguaiata per non perderli. Ma la sua credibilità è in discesa, non per l'età o la malattia ma per aver combinato solo guai quando è stato al governo per otto anni. Ci ha portato anche lui sull'orlo del baratro.
Scritto da Alessia il 26/11/2011 alle 17:55
@ Basso Luca. Il suo commento così acuto, appropriato, basato su fatti concreti, ci offre una plastica raffigurazione della realtà. Lo ringrazio per l’impagabile, surreale, involontaria ironia. Ecco un esempio da manuale di “eterogenesi dei fini”.
Scritto da Angelo Eberli il 26/11/2011 alle 18:09
Il comico Crozza ha ben rappresentato in questa parodia il lavoro fatto da Bossi come ministro delle Riforme in 3 anni di governo. Nello sketch, è interrogato da un gruppo di giovani. “Lei cosa faceva?”. “Il ministro”. “Davvero, il ministro, e di che cosa?”. “Facevo il ministro delle riforme”. “E che riforme ha fatto?”. Risate del pubblico. http://www.youtube.com/watch?v=MC4p0qTGCDg
Scritto da pino s. il 26/11/2011 alle 18:16
Efficace, sintetico e condivisibile.
Scritto da Luca C. il 26/11/2011 alle 18:33
Certo,gridalo forte !! Che il Governo Monti fà schifo !! Fà schifo perchè non potrà dare più poltrone alla famiglia Bossi,perchè non è la Giustizia a protezione di Berlusconi,la priorità. Perchè deve risanare i guasti e i guai che avete fatto,perchè non è stato capace di mettere tra ministri camorristi,mafiosi,faccendieri,e incompetenti,che avete sostenuti con il vostro voto. Gridalo forte !! Ancora qualche boccalone lo trovi !!!
Scritto da Giò il 26/11/2011 alle 18:47
Invece sembra che Bossi valga un post doppio, stesso argomento anche da Rossi.Allora forse sbaglio io a ritenerlo ormai fuori gioco, anche qui in provincia. Forse qualcuno crede possa incamerare qualche consenso popolare quando i nodi- sacrifici di questo governo di salvezza verranno al pettine?Mi piacerebbe sapere la sua Adamoli.
Scritto da Venere strabica il 26/11/2011 alle 18:52
Ma tu non sei favorevole al federalismo? Da sinistra ti chiedo di spiegarti meglio. Per me il federalismo è una boiata.
Scritto da Osvaldo il 26/11/2011 alle 19:00
D'accordo ma il post di ieri sui drammi famigliari era molto bello. Preferisco i temi sociali, non dimenticarli mai.
Scritto da Giacomina il 26/11/2011 alle 19:55
Settimana prossima apriranno il Parlamento della Padania, bel contributo alla soluzione dei problemi italiani. Spero, ma non ci credo troppo, che ci sia un rinsavimento da parte dei lettori della Lega.
Scritto da Giulio Carlini il 26/11/2011 alle 20:13
La Lega Nord ha l'eccezionale occasione di rappresentare l'opposizione nel Paese e nel Parlamento. La crisi del processo democratico - che ha annullato il corretto rapporto tra maggioranza e minoranza - offre alla Lega l'occasione di operare senza vincoli , con assoluta libertà d'azione. L'anomalia italiana, unica in Europa ad aver fronteggiato la crisi con una soluzione extra parlamentare, rischia di delegittimare (o ha già delegittimato) l'opposizione, in primo luogo il Partito Democratico, incapace di raccogliere la sfida del governo del Paese. Credo che, del ruolo della Lega in questa fase di deficit democratico, dovremmo preoccuparci e studiare adeguate strategie politiche, se esistono e se siamo capaci di qualche elaborazione. L'invettiva non è una strategia, tanto più che gli insulti rivolti – direttamente o indirettamente - a qualche milione di cittadini che votano Lega è probabile che non siano la via più efficace per convincerli a cambiare campo.
Scritto da ulderico monti il 26/11/2011 alle 20:18
pienamente condivisibile la sua presa di posizione. però... attenzione a quella parte di mondo cattolico che guarda ai cosiddetti leghisti moderati...Tosi e compagnia... cari cattolici moderati NON dimenticate che quegli stessi personaggi hanno pienamente condiviso e difeso le sparate bossiane ...trotiane....calderoliane..maroniane..ecc. vediamo di lasciarli marcire nella muffa da dove sono arrivati.NON offrite sponde a quei beceri personaggi.
Scritto da franco zanellati il 26/11/2011 alle 21:08
@Venere strabica - Considerare la Lega in declino inarrestabile sarebbe un errore imperdonabile. Questo non è vero né in Veneto né in Lombardia, tanto meno a Varese. Guidano le Regioni Piemonte e Veneto, sono in maggioranza in Lombardia, gestiscono molte amministrazioni locali nel Nord. Inoltre non subiranno mai l’attacco del Pdl che spera di riaverli presto come alleati anche per le elezioni generali del Parlamento. La crisi, infine, offrirà alla Lega molti spunti per sfruttare il rancore di chi sarà colpito dai provvedimenti del nuovo governo. In conclusione non bisogna affatto mollare nel contrasto politico e ancor di più culturale. Il Pd, in particolare, non deve offrire nessuna sponda alla Lega nell’illusione di strapparla a Berlusconi.
Scritto da Giuseppe Adamoli il 26/11/2011 alle 21:29
@Osvaldo - Come ho già detto in numerosi post, sono favorevole ad un federalismo serio e competitivo che favorisca la crescita delle classi dirigenti regionali e locali e la rottura dell’assistenzialismo di troppe Regioni con Roma. Un nuovo assetto dello Stato che rinnovi e rafforzi l’unità nazionale. Il cosiddetto federalismo fiscale è parziale e in alcuni punti fuorviante. A mio parere non dovrebbe essere abbandonato ma rivisto e completato nel rispetto della Costituzione repubblicana.
Scritto da Giuseppe Adamoli il 26/11/2011 alle 21:34
@Ulderico Monti, sei il solito incontentabile, direi bastian contrario. Bossi è colpevole della situazione in cui ci troviamo. La lotta fra Tremonti (suo compare di prima classe) e il premier è stata una delle ragioni del momento nero. Poi Bossi dice che fa schifo Monti. Ma dove siamo?
Scritto da Ex Pci Gallarate il 26/11/2011 alle 21:46
L'unica soddisfazione è che Bossi e la Lega non sono più al governo. Hanno accumulato poltrone e basta. @Un varesino ha totalmente ragione. Smentiscano se sono capaci.
Scritto da Stefano Gilli il 26/11/2011 alle 22:03
@Franco Zanellati, non so se hai scritto male tu o se ho capito male io. Guarda che Tosi viene dai Ds e non è un "cattolico moderato". Chi ha pasticciato di più con la Lega sono stati gli ex diessini. Nella sostanza ti do ragione. Attenti a chi, nel centrosinistra, è strabico verso la Lega, hanno già fatto troppi danni.
Scritto da Lorenzo il 26/11/2011 alle 23:13
Mai nessuna alleanza con la Lega, questa dovrebbe essere la regola.
Scritto da Valceresio il 26/11/2011 alle 23:28
@Ulderico Monti - Ho sempre grande rispetto per chiunque svolga il ruolo di opposizione che in un Paese democratico è altrettanto importante di quello della maggioranza. Ma la Lega è stata l’architrave di un governo insipiente durato otto anni su dieci colpevole di irresponsabili omissioni e drammatici errori. Se definisce schifoso un governo che non ha ancora cominciato a lavorare è lecito e giusto chiedergli come definirebbe quel suo governo. Quanto alle invettive, caro Ulderico, converrai che nessuno è maestro come Bossi.
Scritto da Giuseppe Adamoli il 26/11/2011 alle 23:55
@Lorenzo- Il Tosi a cui fa riferimento Zanellati è il sindaco di Verona a cui in tv Casini dava cordialmente delle pacche sulle spalle ad un congresso dell' UDC...carino questo tuo fraintendimento..
Scritto da Venere strabica il 26/11/2011 alle 23:56
La Lega è ancora un osso duro da rosicchiare, in particolare nelle regioni in cui governa e nelle varie amministrazioni locali, provincia di Varese inclusa. Ben venga dunque chi tiene alta la guardia. Nel contempo però dovremmo avere l'accortezza di essere vigili anche sull' equità delle misure economiche di risanamento bilancio che giocoforza il governo Monti dovrà intraprendere. Ma non solo, si deve vigilare anche su come verranno ridistribuite le risorse , quali progetti verranno finanziati, quali categorie sociali ne saranno avvantaggiate.
Scritto da Maria Rossa il 27/11/2011 alle 00:31
Prima due stanze ministeriali a Roma desolantemente vuote e dal mese di dicembre la finzione del Parlamento della Padania: ecco la Lega al Nord.
Scritto da Brielli Giuseppe il 27/11/2011 alle 08:35
E' difficile non reagire alle sparate di Bossi però hai girato troppo in fretta il post sui drammi famigliari di venerdì. Stimolante sia ciò che avevi scritto tu, sia la discussione. Riprendi l'argomento appena puoi.
Scritto da Flora il 27/11/2011 alle 09:06
Ex Pci Gallarate 26/11/2011- 21:46. La sottovalutazione dell'avversario è la peggiore scelta tattica che si possa fare. Nella storia universale ha condotto e condurrà alle peggiori sconfitte. Anche la liquidazione delle argomentazioni altrui con sufficienza e fastidio denota incapacità critica. Si ragioni, se ne siamo capaci, sulle cause della attuale situazione, sull'anomalia – unica in Europa – del sistema politico, sulle debolezze strutturali della sinistra. Temo che pagheremo caro aver abbandonato la funzione di opposizione ad un movimento di forte radicamento territoriale come la Lega. “Considerare la Lega in declino inarrestabile sarebbe un errore imperdonabile” – afferma Giuseppe Adamoli (ore 20,29): diremo anche di lui che è un incontentabile bastian contrario?
Scritto da ulderico monti il 27/11/2011 alle 09:20
Giusta reazione. Il Pd però si comporti di conseguenza, anche a Varese. Basta leghismo e leghisti rossi.
Scritto da Luigi il 27/11/2011 alle 10:00
D'accordo con Giuseppe delle 21.29. Ma bisogna distinguere bene tra la realistica valutazione della forza politica della Lega e lo scondinzolamento che troppe volte pezzi del PD le hanno, non so quanto ingenuamente rivolto. Detto questo aggiungo che sarebbe ora che anche i media, soprattutto locali, le dedicassero spazi proporzionali alla sua forza elettorale non eccelsa ed evitassero di cavalcare servilmente volgarità e iperboli bossiane di cui francamente moltissimi ne hanno le tasche piene
Scritto da cesare chiericati il 27/11/2011 alle 10:33
Condivido, ho un sentimento antilegista, ma adesso attenzione alle misure del governo Monti. Devono essere eque sul serio non solo in teoria.
Scritto da Gloria Pirola il 27/11/2011 alle 11:35
Esordio incisivo quello di @Venere strabica. Di solito scrive dopo le due di notte (forse il giorno dopo non ha un treno da perdere). Ma anche quando scrive in orari decenti non manca di confusione: alterna il tu al lei a Giuseppe Adamoli. Che si decida! Gli allibratori e gli alligatori del Paese delle Meraviglie hanno inscenato un toto-scommesse per scoprire chi sia. Inutile dire che ho vinto io: @Venere strabica è quella persona che con l’occhio destro benedice la società multietnica (come ha scritto qualche giorno fa commuovendo non poco) e con l’occhio sinistro mostra intolleranza verso gli organismi del partito. Perché non parte da se stessa per gettare le basi per cambiare il partito? Vuole cambiare lo Statuto? Lo faccia, visto che lo conosce sterilmente a memoria! Secondo il Brucaliffo, @Venere Strabica riesce a stare sveglia sino ad ora tarda perché fuma sostanze forti, ballando al suono di Age of Aquarius (musical Hair) e rimpiangendo quanto era giovane e lucida negli anni Settanta. Un saluto a @Mariuccio Bianchi che rimane, come al solito, il mio preferito. E un saluto anche a @Leonardo C. che di solito è sempre pacato, moderato e cavalleresco ma ieri mattina, forse, si è alzato male. Non mi sembra da lui la prefigurazione di uno scenario da guerra civile con una radicale contrapposizione tra truppe armate: da una parte i secessionisti che vogliono erigere la bandiera verde sul suolo padano e dall’altra i patrioti italiani fedeli alla nazione ;-)
Scritto da Alice in wonderland il 27/11/2011 alle 11:37
Caro Senatore Bossi e tutti quelli che la pensano come Te, Voi non mi rappresentate, io non sono un Padano, sono un ITALIANO, e tale voglio essere, non Vi autorizzo a parlare a mio nome, nessuna delle vostre idee, del vostro linguaggio, del vostro comportamente m trovano d' accordo, dovreste andare a lavorare in fabbrica, per poi essere messi in cassa integrazione e/o forse essere tra quelli che perdono il lavoro perchè l'azienda dove lavoravate chiude per fallimento
Scritto da Giovanni Pozzato il 27/11/2011 alle 22:27
@Alice in wonderland, innanzitutto grazie per il saluto. Moderazione, pacatezza e... cavalleria, non m'impediscono una certa rigidità quando sento che alcuni leghisti intendono riprendere gli argomenti secessionisti messi nel cassetto all'indomani dell'ingresso nel governo Berlusconi. Ritengo che d'ora in avanti non si debba più essere tolleranti come nel passato, quando si accoglievano i richiami di Bossi alle armi come una nota di folklore e di propaganda.
Scritto da Leonardo C. il 28/11/2011 alle 13:01
@Ulderico Non cerco il voto di chi si sente pienamente rappresentato da un capo partito ed ex ministri che si esprimono a suon di rutti ed esposizione di dita. Meglio tacere quindi, per carita' di patria, sui risultati raggiunti e l'opera di governo. Sara' forse perche' appartengo ad un'altra cultura, oppure perche' trovo ripugnanti certe idee, ma da elettori simili me ne tengo lontano. Se ci tieni tanto, votala tu la Lega.
Scritto da Lorenzo M. il 28/11/2011 alle 15:14
Caro @Leonardo, sono persuaso anch'io che trattare come folclore le "smargiassate" della Lega sarebbe un'enormità culturale e politica.
Scritto da Giuseppe Adamoli il 28/11/2011 alle 15:25
BRAVO GIUSEPPE. Come dicono a Roma: " quando ce vo' ce vo' '" .............o no!!
Scritto da Tino R. il 1/12/2011 alle 00:22
Archivi:
Ultimi post:
(12/6/2014 - 09:06)
(10/6/2014 - 11:29)
(8/6/2014 - 19:04)
(5/6/2014 - 12:08)
(28/5/2014 - 08:54)
(27/5/2014 - 09:40)
(26/5/2014 - 08:10)
(25/5/2014 - 09:04)
(24/5/2014 - 12:08)
(22/5/2014 - 17:23)