Politica, istituzioni e territorio. Dialogo oltre i partiti
Giuseppe Adamoli   adamoli1@alice.it
inserito il 24/6/2008 alle 16:32

E così, superato lo scoglio romano e archiviata la festa di ieri sera, lo Statuto d’Autonomia della Lombardia entrerà probabilmente in vigore a metà settembre. Dopo tanti anni e fallimenti, il risultato è dunque a portata di mano. Ma quale autonomia?
Sono sempre stato consapevole che la bozza di ottobre e il Progetto di Legge che ho presentato a dicembre correvano sul filo dell’interpretazione più coraggiosa della Costituzione Repubblicana. L’obiettivo però era chiaro: ricavare la massima autonomia, senza mai travalicare i paletti costituzionali.
Oltre ai traguardi tradizionali, dobbiamo ora tagliarne un altro molto rilevante. Il nuovo Statuto deve consentire alla Lombardia di essere un’istituzione in grado di esercitare le funzioni e le forme di autonomia in più che il Consiglio regionale ha già chiesto al Governo e al Parlamento sulla base delle modifiche costituzionali del 2001 introdotte dal Centrosinistra. E inoltre di praticare bene il federalismo fiscale che non ha tanto l’obiettivo di portare più soldi in Lombardia, quanto di riformare l’intera finanza pubblica e di mettere tutte le regioni di fronte alle proprie responsabilità.

Se vuoi leggere l'articolo in forma integrale vai su:
http://www.adamoligiuseppe.it/

Tags: Statuto, Lombardia     Categoria: Lombardia
Commenti dei lettori: - scrivi il tuo commento
Archivi:
Ultimi post:
(12/6/2014 - 09:06)
(10/6/2014 - 11:29)
(8/6/2014 - 19:04)
(5/6/2014 - 12:08)
(28/5/2014 - 08:54)
(27/5/2014 - 09:40)
(26/5/2014 - 08:10)
(25/5/2014 - 09:04)
(24/5/2014 - 12:08)
(22/5/2014 - 17:23)