Politica, istituzioni e territorio. Dialogo oltre i partiti
Giuseppe Adamoli   adamoli1@alice.it
inserito il 26/6/2008 alle 10:30

Il Consiglio regionale straordinario sulla casa, convocato per iniziativa del Pd, ci ha dato una prima parziale vittoria. La maggioranza e lo stesso assessore hanno infatti dichiarato che porteranno in commissione proposte di modifica alla legge sia sui canoni, aumentati anche secondo l’osservatorio regionale più di quanto previsto, sia sul meccanismo della decadenza dell’assegnazione. A oggi infatti si rischia di espellere dalle case popolari chi va in pensione, per il fatto che ottiene la liquidazione o chi eredita un bene immobile magari a chilometri di distanza. Purtroppo la maggioranza è incoerente e se da un lato ammette che la legge va cambiata, dall’altro ha confermato gli aumenti già in vigore.
Molto positivo è anche l’impegno dell’assessore a stabilire che i risparmi derivanti dal mancato pagamento dell’Ici saranno impiegati per l’abbattimento delle barriere architettoniche, la manutenzione degli ascensori e in contributi di solidarietà. Infine è positivo che abbiano accettato la proposta di elaborare un testo unico per innovare la politica abitativa a beneficio del ceto medio e delle famiglie.

Tags: pd, Lombardia     Categoria: Lombardia
Commenti dei lettori: 1 commento - scrivi il tuo commento
Non bisogna mai smettere di sostenere la causa di chi è costretto a vivere in quegli osceni casermoni che sono le case popolari nelle città. Ma è necessario anche insistere per ottenere il cosiddetto housing sociale e il mix sociale che rovescia la logica del ghetto: gli alloggi popolari vanno realizzati dentro edifici dove ci abitano anche professionisti, studenti, famiglia di medio reddito. Vivranno meglio anche coloro che hanno i redditi più bassi e le situazioni familiari più difficili.
Scritto da Laura S. il 27/6/2008 alle 11:17
Archivi:
Ultimi post:
(12/6/2014 - 09:06)
(10/6/2014 - 11:29)
(8/6/2014 - 19:04)
(5/6/2014 - 12:08)
(28/5/2014 - 08:54)
(27/5/2014 - 09:40)
(26/5/2014 - 08:10)
(25/5/2014 - 09:04)
(24/5/2014 - 12:08)
(22/5/2014 - 17:23)