Politica, istituzioni e territorio. Dialogo oltre i partiti
Giuseppe Adamoli   adamoli1@alice.it
inserito il 9/4/2009 alle 09:00

Il Pd l’aveva già detto a gran voce e anche da questo blog avevamo sostenuto la proposta: accorpare in una sola tornata elettorale amministrative, europee e referendum. Così organizzato l’election day garantirebbe un risparmio di 500milioni di euro, ovvero la cifra che ci costerebbe separare il referendum. Oggi questa richiesta si fa ancora più pressante: quei soldi servono urgentemente altrove, in Abruzzo (foto tratta dal sito della protezione civile). Lo ha affermato anche Giuseppe Pisanu (Pdl), ex Ministro dell’Interno nel precedente governo Berlusconi, spiegando che «dopo il terremoto l’Abruzzo è una priorità assoluta».
Per raggiungere l’obiettivo si stanno muovendo blog e giornali. Speriamo che anche il Governo capisca l’importanza di questa scelta e faccia marcia indietro.

Tags: abruzzo, Governo, pd, referendum     Categoria: Idee e proposte
Commenti dei lettori: 8 commenti - scrivi il tuo commento
L'Election Day è una scelta sensata e in questi giorni di dolore necessaria. Si fosse trattata della solita tornata referendaria del passato con 13 schede lo avrei capito.Ma tutti quei costi in più per una scheda in più. Oltre tutto non bisogna nemmeno apporre una preferenza. Pisanu è uomo serio . Ma in questo governo hanno avuto la meglio gli ex socialisti, per cui da ex demoscristiano stà in panchina. Peccato! Passi l'autonomia dagli aiuti americani ma almeno non sprechiamo le poche risorse.
Scritto da nicola il 9/4/2009 alle 10:08
Ottima iniziativa ma, temo inutile. Il governo vuole dire di si alla Lega che ha paura del referendum. La Lega continua con i suoi ricatti.
Scritto da Lucky il 9/4/2009 alle 10:34
La Lega non vuole e l'election day non si fa. Cosa dice il leghista rosso (si fa per dire) di Varese? Invece di parlare sempre dovrebbe vergognarsi.
Scritto da Ambrogio V. il 9/4/2009 alle 14:18
Era una buona proposta quando è stata fatta la prima volta, lo è ancora di più adesso, quindi non verrà accolta dal Governo. LEGA DELENDA EST!
Scritto da Catone il 9/4/2009 alle 14:48
Temo proprio che l'election day non si farà. Verranno sperperati soldi che potrebbero servire per i terremotati. A tanto ammonta la cambiale che il presidente del consiglio deve alla Lega che un tempo abbaiava alla "Roma ladrona". E pur di salvaguardare il suo orticello non si vergogna per nulla di essere sprecona e di addossare al solito pantalone gli oneri conseguenti. Condivido l'anatema di Catone.
Scritto da Angelo Eberli il 9/4/2009 alle 16:37
E' una cosa saggia e dunque non si farà. Questo è il governo "del fare" che ci ritroviamo.
Scritto da Il pirata il 9/4/2009 alle 18:45
E' una proposta sensata che dobbiamo pubblicizzare facendo capire che è la Lega che non la vuole per preoccupazioni di cucina elettorale. E' necessario soprattutto qui a Varese, dove spesso sembriamo succubi della Lega.
Scritto da Walter il 9/4/2009 alle 19:26
Berlusconi questa sera ha manifestato qualche apertura, ma credo che sia soltanto una tattica per tenere buona la Lega. Troppi leghisti nel PD a Varese.
Scritto da Claudio il 9/4/2009 alle 23:27
Archivi:
Ultimi post:
(12/6/2014 - 09:06)
(10/6/2014 - 11:29)
(8/6/2014 - 19:04)
(5/6/2014 - 12:08)
(28/5/2014 - 08:54)
(27/5/2014 - 09:40)
(26/5/2014 - 08:10)
(25/5/2014 - 09:04)
(24/5/2014 - 12:08)
(22/5/2014 - 17:23)