"Insieme costruiamo il futuro."
Alessandro Alfieri   alessandro.alfieri@consiglio.regione.lombardia.it
inserito il 30/1/2013 alle 21:09

Ho ricevuto dalla magistratura milanese l’invito a comparire nell’ambito dell’inchiesta sui rimborsi ai consiglieri regionali. Come sapete più di un mese fa avevo già comunicato a mezzo stampa le spese da me sostenute in questi tre anni di legislatura. Mi vengono contestate spese per circa 5.000 euro (in media 150 euro al mese). Si tratta di spese legate a due convegni istituzionali e di pranzi con amministratori locali, giornalisti e altre persone che ho incontrato nell’ambito delle mie attività istituzionali. Chi mi conosce sa che ho agito con onestà e trasparenza senza mai utilizzare i soldi della Regione per ragioni diverse da quelle previste dalla legge. Provo però rabbia al solo pensiero che qualcuno ci possa mettere tutti nello stesso calderone. Da domani con la stessa tenacia continuerò a combattere politicamente coloro che hanno trascinato regione Lombardia nei gravissimi scandali della sanità e che hanno permesso le infiltrazioni della criminalità organizzata 

Commenti dei lettori: 9 commenti - scrivi il tuo commento
Ci vuole tanta forza, Ale, e tanta solidità. La tua azione politica é sempre stata mossa dalla tua serietà, passione e dal tuo impegno. Continua così, abbiamo davanti un mese davvero importante, quello che faremo sarà decisivo per il futuro della Regione e anche del Paese. Forza, forza, forza!
Scritto da Ste il 30/1/2013 alle 21:35
L'antipolitica é stata sobillata da più parti. Le persone si allarmano molto sentendo parlare di inviti a comparire, non sapendo che si tratta di garanzie previste dal nostro sistema giudiziario. Diciamolo, affermiamo con forza che nulla questa vicenda ha a che fare con i tristi eventi che hanno interessato Regione Lombardia e la maggioranza che ha governato per vent'anni. Ricordiamo a tutti che il forza leghismo ha consentito alla criminalità organizzato di infiltrarsi nelle nostre istituzioni
Scritto da Marengo il 30/1/2013 alle 21:45
Mi associo al bel commento che condivido, di Marengo e anch'io aggiungo la mia voce al coro dei Forza! Che si solleva in queste ore. Un coro che non é autoreferenziale ma che é simbolo di un percorso che da qualche anno con fiducia e speranza tenta di creare gli strumenti per fare una società migliore per tutti. Questo momento é un momento di garanzia per tutti dal quale si esce a testa alta e con più forza e voglia di prima!
Scritto da Andrea Di Salvo il 30/1/2013 alle 23:27
Alessandro, da questo momento tutti noi amanti della buona politica - quella che può essere espressa allo stesso tempo con passione e professionalità, sapendo bene che quest'ultima è cosa diversa dal rampantismo e carrierismo – abbiamo una ragione in più per esprimerti piena e amichevole solidarietà. Per quanto mi riguarda ti invito a continuare con serenità nell’impegno politico, perché il rinnovamento avviato nel PD, prosegua senza sosta anche con il tuo intelligente apporto quotidiano. Naturalmente ti confermo qui anche i complimenti per le modalità e la tenacia con cui in questi giorni stai sviluppando la tua campagna elettorale, come ho già fatto anche col mio blog dopo l’incontro di Morazzone del 28 gennaio: http://giovanniderosa.blogspot.it/2013/01/28-gennaio-alessandro-alfieri-capolista.html
Scritto da giovanniderosa il 31/1/2013 alle 09:06
Caro Ale la mia solidarietà. Sono certo che saprai dimostrare l'assoluta correttezza del tuo agire.
Scritto da roberto molinari il 31/1/2013 alle 09:17
Carissimo, non preoccuparti e continua a testa alta il tuo percorso giornaliero della campagna elettorale, che si fa sempre più dura , inquinata solo da tentativi mediatici....hai dalla tua il sostegno di chi ti conosce per le capacità, per la serietà, pacatezza, onestà ed impegno.Vai avanti ancor più motivato. Ciao Orlando
Scritto da orlando rinaldi il 31/1/2013 alle 09:25
La tua onestà traspare. Continua ad essere come sei e a combattere come già stai facendo.
Scritto da sara il 31/1/2013 alle 11:33
Premesso che sicuramente i soldi spesi hanno la loro giustificazione istituzionale. Ma basta questo? Possibile che non c'è qualcuno che magari il pranzo, anche se in trasferta per "motivi istituzionali", decida di pagarlo di tasca propria?
Scritto da Claudio Bellasio il 31/1/2013 alle 18:20
Sì Alessandro, hai fatto bene a scrivire due righe su questa vicenda. Proprio a te, che sei stato il più vicino al territorio, questo 'regalo' dell'avviso di garanzia. Praticamente, secondo alcuni, chi lavora di più deve spendere meno di quelli che non fanno niente. Senza parlare di quelli che hanno portato la mafia al Pirellone. Roba da matti !
Scritto da A. di Biase il 1/2/2013 alle 12:13
Archivi:
Ultimi post:
(12/2/2015 - 16:45)
(11/2/2015 - 15:11)
(1/2/2015 - 11:50)
(30/1/2015 - 16:40)
(26/1/2015 - 15:21)
(20/1/2015 - 16:45)
(6/1/2015 - 12:07)
(18/12/2014 - 11:00)
(13/10/2014 - 12:56)
Links: