Fai vincere la lealtà verso i cittadini e verso il Paese.
Paolo Rossi   rossi_paolo@camera.it
inserito il 30/9/2012 alle 15:33

 Distrattamente e svogliato davanti alla Tv,  per la precisione su Sky, guardavo, pochi minuti fa ed in pieno zapping, un po' di partite (sono malato e calciofilo, lo riconosco).  Mi sono per un attimo soffermato su Palermo-Chievo. Punizione per i siciliani, batte il piccolo e funambolico Miccoli, il portiere veronese Sorrentino (ex Varese, per la cronaca) è in ritardo, sbaglia e devia la sfera nella sua rete. Davanti a lui i difensori della sua squadra, neanche lo guardano, non una parola od un cenno di conforto per l' involontario errore, niente di niente. Gli girano le spalle 'seccati' e virano sdegnati verso il centro del campo. Ho pensato che questo atteggiamento si consuma frequentemente anche nella vita e, sempre, in politica. Ho pensato alla poca comprensione dei nostri tempi. 

Tags: atteggiamento, politica, Tv     Categoria: Idee e proposte
Commenti dei lettori: 48 commenti - scrivi il tuo commento
Scusa Paolo, ma leggo che sei di nuovo malato. E' l'aria di Roma o di Varese che ti fa male? Curati, non sei ancora un rotta-matore.
Scritto da GIANNI BASSETTO il 30/9/2012 alle 15:39
Guarda @GIANNI BASSETTO, malato ci sarai tu. Io sto benissimo.
Scritto da paolo rossi il 30/9/2012 alle 16:51
Senatore in politica, come nella vita, si perdona solo ciò che fa comodo perdonare. Su tutto il resto si è inflessibili.
Scritto da claudio colombo il 30/9/2012 alle 17:20
Caro @Borghi S., rimandami il tuo post che ho dovuto eliminare, questa volta però vedi di firmarlo adeguatamente, immagino che fossi distratto, evitiamo inutili 'casini'....
Scritto da paolo rossi il 30/9/2012 alle 17:25
Non capisco senatore.
Scritto da Borghi S. il 30/9/2012 alle 17:48
Caro Paolo lo sai meglio di me che questi ragazzi strapagati per 4 calci al pallone hanno molta "comprensione" per i milioni che intascano. Poi il gol di Miccoli su punizione (che ho visto anch'io) non si può imputare a una vera papera di Sorrentino. Anche tu un po' di comprensione perbacco!!!!!!!!!!!! Un abbraccio...........
Scritto da Ravani il 30/9/2012 alle 17:51
Niente di male @Borghi S., hai firmato in fondo al testo con il tuo nome e ti sei confuso sulla firma che viene pubblica scrivendone un altro. Tutto qui.
Scritto da paolo rossi il 30/9/2012 alle 18:28
Caro @Ravani hai ragione. E' soprattutto il sottoscritto quello sempre più intollerante.
Scritto da paolo rossi il 30/9/2012 alle 18:32
Un po' strano il suo post di oggi. Quale comprensione dovremmo avere senatore di questi tempi. Di certo non quella nei confronti di una politica (lei escluso s'intende) e di un governo sufficientemente penalizzanti per la gente.
Scritto da miriana il 30/9/2012 alle 18:53
Effettivamente, soprattutto i politica, più che comprensione basterebbe un minimo di tolleranza in più. Parlo ovviamente e soprattutto del PD.
Scritto da pietro magni il 30/9/2012 alle 19:16
Non so cosa sia la comprensione. Sono intollerante. Talvolta cattivo. Sarà l'età. Sarà la pancia. Non so.
Scritto da Claudio Ennam il 30/9/2012 alle 19:36
In una società dove oramai sono apprezzati l'individualismo e i personalismi a dispetto della tolleranza, del rispetto delle idee e dei comportamenti altrui, anche la "comprensione" rimane tra le ultime intenzioni.Il vent'ennio berlusconiano ha implementato questo modo di vivere e pensare. Ma anche la sinistra,storicamente dominata dal "cupio dissolvi",non perde occasione di ripetersi, con periodiche vendette trasversali, dividendosi piuttosto di ricercare sinergismi,e sempre a sei mesi dal voto
Scritto da dottorpurgone il 30/9/2012 alle 19:51
Caro Senatore,se alludi alla comprensione in politica non sono proprio d'accordo. Chi sbaglia paga, o meglio dovrebbe pagare.Ma qui in Italia non paga nessuno,anche per questo (oltre che per evidenti carenze legislative) il Paese sta andando alla malora.Non bastano pochi volonterosi come te a cambiare questa situazione disastrosa che il "buonismo" e il permissivismo imperanti hanno prodotto. Nessuna comprensione per i Previti, i Sallusti, i Fiorito e i mille altri che VOLONTARIAM.hanno sgarrato!
Scritto da giovanni dotti il 30/9/2012 alle 20:32
Boh!
Scritto da Ceresium il 30/9/2012 alle 20:58
@giovanni dotti. Cos'avrebbe mai fatto Sallusti? Non ha controllato l'articolo di uno suo sottoposto. In questo ha sbagliato e si è assunto la responsabilità. Si è dimesso e ha dimostrato grande dignità. Lei, @dotti, ha qualche esempio analogo in politica da proporre?
Scritto da Claudio Ennam il 30/9/2012 alle 21:25
Descritta così, a foto, farei la stessa conclusione. Ma il Palermo ha vinto: 4-1. Va beh, era il primo gol, ma a tirare la punizione era Miccoli, dici nessuno? E poi ne ha fatti altri due. Se già sai che l'avversario è più forte meglio tacere: non serve protestare nè dare comprensione al portiere. La comprensione c'è stata: tutti hanno 'compreso' che sarebbe stata una partita persa. Si fa lo stesso a volte, a scuola. Bisognerebbe sempre sapere i retroscena di chi lascia indietro. Comprende?
Scritto da Nicoletta il 1/10/2012 alle 03:42
Sono d'accordo @Giovanni Dotti, poca o nulla comprensione in politica per chi sbaglia. Mi riferivo, più che altro, a quel clima generale di intolleranza nel quale viviamo, quello quotidiano, quel clima nel quale tendiamo ad assolvere ogni nostro errore ma non perdoniamo agli altri la minima sbavatura, che ci porta ed essere esigenti con il prossimo 'generosi' solo con noi stessi. Su Sallusti ribadisco che la condanna in sè è sacrosanta (per aver riportato una notizia falsa, non per aver espresso un' opinione) che la stessa condanna è decisamente eccessiva. L' uomo, che ricorda Nosferatu (ma che per questo non merita condanne automatiche), è un fazioso senza speranza, uno strafottente da salotto buono, ma convengo con @Claudio Ennam, rispetto ad altri, in situazioni più o meno analoghe, ha dimostrato di avere una dignità che per me, fino a ieri ed in lui, mi era sconosciuta.
Scritto da paolo rossi il 1/10/2012 alle 08:27
@C.Ennam,quando non"divaga"merita una risposta.Non m'interessano le dimissioni di Sallusti(che mi sta cordialm.antipatico come tutti i lacche') ma la sua condanna in 3^grado.La Cassazione(quella cui si appellano i nostri onerevoli)gli ha comminato una pena che dovrebbe scontare integralmente.Senno' come lamettiamo con lo Stato di diritto?Giusta o iniqua(anche secondo me la legge in questi casi andrebbe cambiata)la legge va applicata senza falsi pietismi,cosi' come la si applica pertuttieglialtri
Scritto da giovanni dotti il 1/10/2012 alle 08:54
Il @Claudio Ennam non è un estremista di destra, è un conservatore, un moderato, un borghese. Giriamola come vogliamo ma alla fine lui il Berlusca tende a difenderlo quasi sempre ed è riuscito a farlo anche con il Sallusti, uno dei tanti portavoce di casa Arcore. "Ma il direttore di Repubblica è peggio", cicacicabum, ma "Sallusti almeno è uno con le palle" e bla bla bla ed il senatore, che non mi risulta abbia mai espresso dissenso nei confronti del sarto de Milan, dietro come, lo dico con affetto, un pulaster.
Scritto da Ceresium il 1/10/2012 alle 09:06
Ovviamente @Ceresium, faccio a meno di quel genere di affetto che dici di nutrire per me. Stando al post ecco, tu sei proprio il classifico elemento per il quale non vale la pena di esprimere comprensione, semmai pietà.
Scritto da paolo rossi il 1/10/2012 alle 10:14
Il portiere. Ha una maglietta diversa e sa di essere diverso,usa più le mani dei piedi, guarda sempre in avanti e raramente dietro,sta fermo decine di minuti e, quando meno se lo aspetta,è chiamato al miracolo.Grida, ma non lo ascolta quasi mai nessuno.Quando esce, in presa alta o per fermare un centravanti lanciato a rete, rischia di prendere le botte. Dalla curva arrivano parole e oggetti. La vittoria è merito degli altri.La sconfitta colpa sua. Il portiere: l'emblema del cittadino italiano.
Scritto da FrancescoG. il 1/10/2012 alle 10:35
Immagino parli di piccole situazioni quotidiane. A livello politico, con certe persone, non ci può essere e non ci deve essere alcuna comprensione. Stiamo scherzando!
Scritto da mario macchi il 1/10/2012 alle 13:23
Caro @Francesco G, mi dai spunto per riproporre la celebre poesia di Umberto Saba, 'Goal': "Il portiere caduto alla difesa ultima vana, contro terra cela la faccia, a non veder la luce. Il compagno in ginocchio che l' induce con parole e con mano, a rilevarsi, scopre pieni di lacrime i suoi occhi. La folla- unita ebbrezza- par trabocchi nel campo. Intorno al vincitore stanno, al suo collo si gettano i fratelli. Pochi momenti come questo belli, a quanti l' odio consuma e l' amore, è dato, sotto il cielo, di vedere. Presso la rete inviolata il portiere -l'altro- è rimasto. Ma non la sua anima, con la persona vi è rimasta sola. La sua gioia si fa una capriola, si fa baci che manda di lontano. Della festa -egli dice- anch'io son parte."
Scritto da paolo rossi il 1/10/2012 alle 13:56
Caro @FrancescoG., il portiere emblema dei cittadini italiani? Ma per favore! Ditemi che preferite avere come emblema della maggioranza degli italiani un volontario del 118 o un chirurgo di pronto soccorso che cerca ogni sabato notte di salvare la vita a ragazzi che vanno a sbattere. E restiamo al caso Sallusti: ho più 'comprensione' per lui, vista l'assurdità della carcerazione e nonostante sia in totale disaccordo di idee, che non per persone come Lusi o Fiorito che si bevono soldi pubblici.
Scritto da Nicoletta il 1/10/2012 alle 14:32
Caro senatore, nessuna comprensione per ladri e farabutti vari. Anzi per quelli in politica e nelle istituzioni pena raddoppiata perchè hanno approfittato di una condizione favorevole. Niente comprensione per le caste e per i privilegi che questo stato di cose ha sempre garantito a furbetti vari. A partire dai giornalisti. Faccio un esempio. Per Sallusti si è scomodato addirittura il presidente della repubblica. Con tutte le persone che sono "ingiustamente" finite e che sono nei guai per molto ma molto meno! Napolitano si muove solo per il signor Sallusti? Che vergogna. Il direttore del giornale di famiglia è colpevole come gli altri, e far passare per opinione una falsità costruita a regola d' arte per colpire un magistrato è molto grave. Il fatto che l' articolo non sia stato scritto da lui ma da altri, non è per nulla giustificatorio. Ci sono delle leggi, delle regole. Che si rispettino, e questo vale anche per quei giornalisti che fanno il loro comodo, sempre o nella migliore delle ipotesi, spesso, che inventano balle su balle, che colpiscono politicamente protetti sempre e comunque dalla loro, appunto, casta. Questa potrebbe essere una lezione utile a tutti. Dico sarebbe perchè l' amico in questione la farà franca, solo un po' di paura. Sallusti eroe perchè si è consegnato supinamente ai suoi carnefici? Ma quale eroe, questa è l' ennesima pagliacciata berlusconiana o sceneggiata napoletana che, nel caso, è più o meno la stessa cosa.
Scritto da Antonio il 1/10/2012 alle 15:35
@ Nicoletta. "Ditemi che preferite....": come mai il plurale? Ringrazio, ma non sono tanto enorme o grasso per essere almeno due persone (1e87 per 80 kg). E non sono nemmeno Papa. O, quanto meno, non credo..... Mi riferivo al ruolo del portiere, non al giocatore indicato dal senatore (che manco so chi sia). Se preferisci altri accostamenti, ben venga. Sul resto, concordo con te. @ Paolo Rossi. Avevo rimosso la poesia di Saba. Sempre interessante. Grazie per averla ricordata.
Scritto da FrancescoG. il 1/10/2012 alle 16:17
Caro Paolo cercare comprensione in questo modello sociale è davvero un'impresa ardua . I sentimenti vengono calpestati in nome di un miglior risultato , l'importante è avere di più nel minor tempo possibile . Questo vale per le aziende ma anche per le banche e , perché no, per i centri di potere . La dignità umana viene sacrificata in cambio di tutto ciò che può portare al successo .
Scritto da Luca Fava il 1/10/2012 alle 16:30
Perfetto!@Antonio h.15,35. Scusami se mi permetto di darti del tu, ma mi hai proprio levato le parole di bocca! Guarda caro@Senatore P.Rossi che gli Italiani "onesti" (categoria cui modestamente credo di appartenere) la pensano come me e Antonio, e vorrebbero che la Politica si facesse portatrice di questo loro sentire.O forse la politica deve sempre occuparsi di come salvare i delinquenti o alleggerirne le pene piuttosto che tutelare i diritti di coloro che rispettano con onesta' i loro doveri?
Scritto da giovanni dotti il 1/10/2012 alle 17:06
@giovanni dotti, ok condivido. Ti sembrerà strano ma ho anch'io la presunzione (nonostante faccia politica da anni!) di appartenere a quella categoria. Per altro le considerazioni di @Antonio sono plausibili. Oggi ha detto la sua in maniera quasi equilibrata, sono sbalordito.
Scritto da paolo rossi il 1/10/2012 alle 17:49
La comprensione vale per i rapporti interpersonali. Questa politica non può più essere condonata e nemmeno perdonata. Troppe occasioni per redimersi, tutte mancate, tutte fallite. Non si tratta di essere giustizialisti e con il forcone in mano, si tratta di essere rigorosi. Se non sapremo esserlo la società italiana rischierà veramente molto.
Scritto da Adriano il 1/10/2012 alle 18:08
Comprensione? Senatore ho visto cosa è per gli ex-comunisti bersaniani la comprensione. Pensate al loro atteggiamento nei confronti di Renzi. Hanno paura della suo possibile successo e lo stanno massacrando, infamando dicendo che è fuori dal PD, che se non vincesse se andrà, e che se vincesse sarà la fine del partito e del mondo, oltre ad altre amenità del genere. Tolleranti, anzi accondiscendenti, invece, per fare un esempio, con il giovane-vecchio Fassina che sostiene le stesse posizioni e tesi politiche economiche e sociali che mio padre sentiva 40 anni fa al dopolavoro nella azienda metalmeccanica dove lavorava. Ma di che comprensione stiamo parlando? E lei alla fine voterà per Bersani, caro Rossi, per Bersani, non so se mi spiego in barba a tutti i suoi bei ragionamenti sul nuovo. Dovrei avere comprensione anche per lei?
Scritto da una rottamatrice il 1/10/2012 alle 19:11
La politica non è affare per mammolette senatore. Lei, che ci ha sguazzato dentro per anni, dovrebbe saperlo.
Scritto da Pietro M. il 1/10/2012 alle 19:25
@FrancescoG. Ditemi. Era disinvoltamente rivolto ai frequentatori del blog, ai cittadini italiani... ma ho riletto il tuo messaggio e anche quelli erano al singolare. Poco male. Mi rivolgerò gentilmente al padrone di casa. Sei stato tu a ispirare lo show di questa mattina di Geppi Cucciari? Ha definito Monti 'lo Zoff della politica'. In verità il paragone è fatto per la seriosità permanente del volto. Se hai due minuti la senti qui: http://www.youtube.com/watch?v=XanRZIbw2FA
Scritto da Nicoletta il 1/10/2012 alle 19:42
@Ceresium. Difendo Sallusti perché lo merita ed è una persona simpatica e gentile. E se devo scegliere fra Berlusconi e Monti, scelgo il primo, pazienza se mi fa schifo; l'altro lo odio e merita di morire stanotte di accidente. Meglio se con dolori atroci. Non è un post sulla comprensione, questo?
Scritto da Claudio Ennam il 1/10/2012 alle 19:59
Non avevo dubbi @Claudio Ennam, lei è un conservatore, un borghese, uno che ama il circo Medrano, non la politica.
Scritto da Ceresium il 1/10/2012 alle 20:43
@Ceresium. Sono Ebreo, soprattutto.
Scritto da Claudio Ennam il 1/10/2012 alle 21:22
Senatore, io tutto questo antisemitismo non riesco più a sopportarlo. Attaccano me, con scuse puerili, ma in verità attaccano il Mio Popolo. Io col giudaismo, inteso come religione, c'entro poco o punto come ho già avuto modo di scrivere, ma sono orgogliosamente Ebreo. Non me la prendo con @Ceresium: è simpatico e perennemente ubriaco ma avverto un'ostilità spaventosa nei miei riguardi. Meno male che c'è lei, senatore. E @Miriana e @Camilla.
Scritto da Claudio Ennam il 1/10/2012 alle 21:31
Io me, a differenza sua @Claudio Ennam, non sono razzista. Che lei sia ebreo o arabo o ariano o quello che vuole o quello che è, per me è del tutto ininfluente. Il suo è uno stanco e monotono ritornello da finto ebreo quale è. Comunque certa pirlaggine, amico mio, non dipende dalla razza, mi creda. Lei mi è simpatico signor Claudione, mi piacciono le persone spiritose, originali e intelligenti. Lei indubbiamente lo è. Bevo? Qualche volta, ma in genere moderatamente, lei invece si fa sempre di gerani sul suo balcone milanese. Si ravveda. Seguo il suo blog volevo mandarle un paio di insulti, si fa per dire, ma non ci riesco. Forse ha ragione lei: bevo troppo.
Scritto da Ceresium il 1/10/2012 alle 22:22
Da uno che difende Sallusti e Berlusconi, è meglio diffidare. @Claudio Ennam non tiri fuori gli ebrei che con lei e con le sue tesi da mediocre forzitaliota non hanno niente che fare.
Scritto da Antonio il 1/10/2012 alle 23:45
@ Nicoletta. Aaappposto :-) ora ho capito. Grazie.
Scritto da FrancescoG. il 2/10/2012 alle 00:19
@Antonio. Si vede che lei non legge il mio blog (www.clennam.blogspot.it). Non è obbligatorio leggerlo, è consigliato. Più che dire che Berlusconi mi fa schifo non potrei (ma la morte di Mario Monti mi rallegrerebbe moltissimo. Ancora di più se accompagnata da strazianti dolori diffusi in tutto il corpo).
Scritto da Claudio Ennam il 2/10/2012 alle 05:28
Cara @Nicoletta, simpatica e con una battuta rapida ed intelligente la Geppi.
Scritto da paolo rossi il 2/10/2012 alle 07:52
Caro@Sen.Rossi,ringrazio te ed Adamoli per la possibilità che date ai comuni Cittadini di interloquire con Voi e per la vostra pazienza. Non vorrei metterti in difficoltà,ma come si può avere "comprensione" per certi politici del tuo partito che aprono dei blog per autoincensarsi e non pubblicano nè rispondono ai commenti degli interlocutori?E poi magari vorrebbero che li sostenessero?Ho inoltrato una domanda sulla SOCIALIZZAZIONE dell'IMPRESA, perchè non rispondono?Eppure non era "impertinente"
Scritto da giovanni Dotti - Varese il 2/10/2012 alle 09:45
Caro @giovanni dotti, considerati i tempi ed il mestiere che facciamo, la pazienza dovrebbe essere d'obbligo. Per dirla tutta e fino in fondo, la mia, ad onor del vero, non è 'proverbiale'. Non mi metti affatto in difficoltà, non so chi è perchè non abbia risposto ad una tua specifica e legittima richiesta. Il blog, a mio avviso, deve essere un luogo libero ed aperto di confronto e di dialogo serrato, qualche volta, anche di scontro. Quel che conta è mantenere un minimo di rispetto e di correttezza, da una parte o dall' altra, indipendentemente dalle proprie convinzioni.
Scritto da paolo rossi il 2/10/2012 alle 13:30
Senatore, lei è sempre FRA le persone; molti, troppi, suoi colleghi sono sempre SOPRA le persone.
Scritto da Claudio Ennam il 2/10/2012 alle 13:38
L' uomo nuovo è Renzi, così sento dire anche da molti miei amici di destra o di centrodestra o da altri che sono invece leghisti. E' un politico considerato come innovatore più da quella parte politica che da tanti elettori del centrosinistra. Un bene o un male?
Scritto da Marcello il 3/10/2012 alle 13:25
Caro @Marcello, non è un sacrilegio cercare di ottenere, anzi, 'rincorrere' l' elettorato di centrodestra. Diciamo che l' operazione potrebbe servire per vincere, ma, attenzione, ci vorrebbe un minimo di coerenza politica, anche partendo dai contenuti. Mi pare che queste primarie servano ancora (benchè si siano trasformate in una specie di congresso del Pd anche se la candidatura di Tabacci prima e di Vendola ora, attenuano questa impressione) per designare il candidato premier del centrosinistra. Tutti questi entusiasti elettori renziani, moderati, di centro, di centrodestra o di destra, saranno poi disposti a sostenere il sindaco gigliato alle elezioni politiche rinunciando a votare per un altro candidato magari di altra sponda politica? Temo che il 99% di questi, anche se è sempre azzardato sparare previsioni di questo genere, non voterebbe a sinistra. Renzi o non Renzi. L' impressione è che questa tendenza di comprensibile antipolitica in realtà abbia un obiettivo politico molto preciso: far perdere il Pd, limitarlo, ridimensionarlo. Difficile vedere altro.
Scritto da paolo rossi il 3/10/2012 alle 13:56
Concordo con le osservazioni di @antonio@Ceresium@camilla@Ravani @Adrianoe@Borghi;sottolinierei il concetto che e'importante conoscere la vita privata di una persona(vedi Berlusca)per capirne la personalita'(che e'una e indivisibile,come dicevaFROMM)e dedurne le tendenzeeilsuo modo di agire,al di la'della sua appartenenza politica.Se un'analisi siffatta si fosse fatta da parte di tutti non avremmo avuto 20anni di berlusconismo e molti non si sarebbero fatti fregare.E per Renzi vale
Scritto da giovanni dotti il 6/10/2012 alle 11:11
Archivi:
Ultimi post:
(19/2/2017 - 21:29)
(31/1/2017 - 23:46)
(14/1/2017 - 00:03)
(2/1/2017 - 12:35)
(28/12/2016 - 00:49)
(5/12/2016 - 00:46)
(26/11/2016 - 12:34)
(17/11/2016 - 13:27)
(11/11/2016 - 16:28)
(5/11/2016 - 12:15)
Links: