Ascoltare e lavorare insieme.
Stefano Tosi   tosi@tosi.it
inserito il 8/5/2012 alle 17:44

Il calo dell’affluenza è il primo segnale significativo portato da queste elezioni amministrative. Pdl e Lega ne hanno fatto le spese, sancendo la conclusione dell’esperienza di governo iniziata nel 2008 e sostanzialmente fallita alla fine del 2011.
Il centro sinistra, invece, tiene nei voti e nelle percentuali, riuscendo ad aggregarsi attorno a progetti di governo che comprendono non solo il centro sinistra tradizionale, ma anche altre forze civiche interessate ad amministrare in modo trasparente, che hanno condiviso i programmi con la comunità locali.
Le parole che meglio caratterizzano queste elezioni sono affidabilità e normalità. Gli elettori cercano persone affidabili, in grado di risolvere i problemi, non di crearli.
Anche Hollande dichiara di voler essere un presidente normale. In Italia hanno vinto sindaci normali.
C’è un altro tema che mi sta a cuore: quello della sicurezza economica e sociale che è diventata una delle caratteristiche fondamentali su cui si dirige il consenso politico. Mentre Pdl e Lega crollano, il centro sinistra, con il Pd in modo particolare, si sta confermando come il partito che meglio interpreta questa nuova esigenza.
La presenza di Grillo, che passa dall’antipolitica alla presenza nei consigli comunali, finora senza grandi frutti, e alla dichiarata volontà di partecipare ai lavori del parlamento, è un fenomeno simile a quello che si riscontra anche in altri paesi europei; forse con un tasso di spettacolarità inferiore.
Lo scenario che si costituito rimarca come la ricostruzione dell’Italia richieda forze più ampie degli schieramenti tradizionali: il Pd è il perno di tutte le coalizioni di centro sinistra, tranne qualche caso sporadico. Partiamo da qui per costruire un nuovo modo di governare il Paese.
Con proposte aperte e convincenti, anche in grado di convincere l'elettorato che sta alla finestra o che vuole finalmente trovare una strada percorribile e da sviluppare assieme.
 

Commenti dei lettori: 1 commento - scrivi il tuo commento
Tutto bene, dunque, caro Tosi? I grillini non valgono niente, il Pd ha vinto. L'astensione non esiste. A sentire lei, il Pd si appresta ad una ammucchiata da FLI a Sel. Nessun rinnovamento è all'orizzonte. Mi spiace non coglie l'enorme voglia di rinnovamento che queste elezioni comunicano. Avanti così i prossimi della lista ad essere spazzati via siete proprio voi.
Scritto da Gino il 9/5/2012 alle 08:22
Archivi:
Ultimi post:
(27/12/2012 - 18:18)
(14/12/2012 - 17:23)
(12/12/2012 - 20:37)
(10/12/2012 - 17:27)
(4/12/2012 - 16:30)
(1/12/2012 - 16:41)
(30/11/2012 - 15:26)
(29/11/2012 - 15:00)
(26/11/2012 - 14:47)
Links: