Ascoltare e lavorare insieme.
Stefano Tosi   tosi@tosi.it
I post con il tag precariato
inserito il 11/3/2012 alle 16:35
Domani riprende il confronto nazionale sulle “politiche del lavoro” fra Governo e parti sociali. In agenda ci sono tutte le questioni più importanti come l’ingresso nel mercato di lavoro, la flessibilità, il precariato, gli ammortizzatori sociali, la cassa integrazione e la ricollocazione. Nelle stesse ore, in Regione, in commissione attività produttive, affronteremo un tema spinoso, quello del regolamento del tirocinio.
Commenti dei lettori: scrivi un commento
inserito il 4/6/2011 alle 17:20
E' iniziato il dibattito che accompagna l’iniziativa del Pd Nazionale per discutere sul territorio il documento redatto sulla base delle proposte approvate dall’Assemblea Nazionale nel maggio 2010.
Commenti dei lettori: 1 commento
inserito il 24/5/2011 alle 11:18
L’Osservatorio di Demos-Coop ha realizzato un’interessante analisi riguardo alla classe sociale percepita dagli italiani. Un sondaggio volto a capire se le persone si collocano nella classe operaia, tra i ceti popolari o nel ceto medio. Il 48% del campione nazionale dice di sentirsi parte della “classe operaia” (39%) oppure della “classe popolare” (9%). Il 43% si posiziona nel “ceto medio”. Solo il 6%, infine, si definisce “borghesia” o “classe dirigente”.
Commenti dei lettori: scrivi un commento
inserito il 10/4/2011 alle 17:53
“L’Italia è ancora una Repubblica fondata sul lavoro?”. Questo è il titolo del dibattito che si svolgerà domani sera a Fagnano Olona (l’appuntamento è alle 20.45 alla scuola media di piazza A. Di Dio). Io e Pietro Ichino, senatore del Pd e docente universitario in diritto del lavoro, ci interrogheremo su come dare un nuovo slancio al mercato del lavoro.
Commenti dei lettori: scrivi un commento
inserito il 2/3/2011 alle 19:18
Sono 3.732 i residenti in provincia di Varese che si sono laureati nel 2008, solo il 60% ha trovato lavoro dopo un anno di ricerca. E di questi, il 50% ha un contratto a tempo determinato. La bassa percentuale di laureati occupati dopo un anno non sorprende: nel 2008 siamo entrati in un periodo di crisi. Invito però a riflettere sul tipo di contratto che ha ottenuto chi è riuscito a superare le selezioni: nel 50% dei casi si tratta di contratti a termine, con un aumento dei tirocini e delle collaborazioni. Chi è occupato, dunque, rimane per lungo tempo precario.
Commenti dei lettori: scrivi un commento
Archivi:
Ultimi post:
(27/12/2012 - 18:18)
(14/12/2012 - 17:23)
(12/12/2012 - 20:37)
(10/12/2012 - 17:27)
(4/12/2012 - 16:30)
(1/12/2012 - 16:41)
(30/11/2012 - 15:26)
(29/11/2012 - 15:00)
(26/11/2012 - 14:47)
Links: