Ascoltare e lavorare insieme.
Stefano Tosi   tosi@tosi.it
inserito il 8/12/2010 alle 13:40

Oggi la mia rubrica “parole e politica” affronta un’espressione che pare aver perso importanza: “senso di squadra”.
Avere senso di squadra significa “operare insieme”, darsi regole e rispettarle per raggiungere obiettivi comuni. Una squadra coopera se al suo interno c’è comunicazione, se si ascoltano i pareri dei giocatori che la compongono per capirne le diversità e le abilità.
Il fine di ogni componente e' di raggiungere, anche in autonomia, obiettivi condivisi insieme alle altre persone. Mettersi in gioco significa avere iniziativa, ma nel rispetto di ciò che si vuole fare insieme. Una squadra, infatti, è la rappresentazione del concetto di “stare insieme”.
Soprattutto durante i momenti dificili avere una missione, dire "noi" e' importante, perché si condividono le motivazioni ed il lavoro, i sacrifici e le soddisfazioni.
L'Italia ha bisogno di veder realizzato un messaggio di fiducia e di recuperare credibilità. Per questo credo che una certa politica show stia arrivando al capolinea. Ma per archiviarla il senso di squadra e' fondamentale, insostituibile.
Per il nostro Paese la vera rivoluzione.
 

Categoria: Idee e proposte
Commenti dei lettori: 5 commenti -
Bravo Stefano ! Ma qualche intelligentone sempre pronto a segare l'albero su cui seduto dir che questo stalinismo !
Scritto da A. Vaghi il 8/12/2010 alle 16:34
Visto che il precedente commento forse non arrivato, mi ripeto.. Bravo Stefano. Ben detto sopratutto per coloro che sono abituati a segare il ramo dell'albero su cui sono seduti.. Ma qualche testa fina dir che il tuo il solito discorso "stalinista"
Scritto da A .Vaghi il 8/12/2010 alle 21:33
Bisogna fare squadra,certo; pero bisogna buttarsi nella..mischia delle primarie,liberi per ascoltare gli altri, gli iscritti, i cittadini. Senn la squadra diventa un club esclusivo e non va bene! Basta prediche, fatti!
Scritto da B.Bruni il 9/12/2010 alle 15:08
Senso di squadra significa giocare una partita tutti assieme, ciascuno con il suo ruolo. Il risultato della squadra da anteporre alle giocate del singolo ed il ruolo del mediano fondamentale. Con le primarie, facendo partecipare al gioco il primo che passa si rischia di sfaldare la squadra. Per il bene della squadra sono accette le dimissioni. Non per giovanilismo ma per merito.In politica un segretario perdente sul territorio deve dimettersi da incarichi di circolo.Questo rinnovamento
Scritto da A. Bianchi il 9/12/2010 alle 20:45
Capisco l'osservazione, ma per lo meno introduciamo un bonus che copra il dato politico di partenza penalizzante per il centro sinistra delle nostre parti. Ovviamente una battuta, ma non troppo.
Scritto da Stefano Tosi il 12/12/2010 alle 17:03
Archivi:
Ultimi post:
(27/12/2012 - 18:18)
(14/12/2012 - 17:23)
(12/12/2012 - 20:37)
(10/12/2012 - 17:27)
(4/12/2012 - 16:30)
(1/12/2012 - 16:41)
(30/11/2012 - 15:26)
(29/11/2012 - 15:00)
(26/11/2012 - 14:47)
Links: