Un grafico al giorno leva lo spread di torno
Mario Agostinelli   agostinelli.mario@gmail.com
inserito il 5/6/2010 alle 08:40

La campagna Energia sostenibile per l’Europa si conferma la più grande iniziativa a supporto degli ambiziosi obiettivi sulla sostenibilità ambientale ed energetica che l’Europa ha fissato per il 2020. Sono oltre 120 le partnership attivate anche nel nostro paese: enti locali, associazioni, agenzie energetiche, istituti di ricerca, imprese private, istituti finanziari, ecc., tutti con l’intento di contribuire al raggiungimento dell’ormai famoso “20-20-20” (riduzione delle emissioni climalteranti, aumento della quota di fonti rinnovabili e crescita dell’efficienza energetica) al 2020. Obiettivo questo non facile da raggiungere, ma certamente un grosso aiuto lo potranno dare anche le città, che in forza stanno aderendo al Patto dei sindaci, che ha come fine quello di mettere in relazione, a livello nazionale, gli obiettivi vincolanti europei con gli obiettivi volontari che le città si sono impegnate a raggiungere. Alla conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici, che si è tenuta a Copenhagen dal 7 al 18 dicembre 2009, le città hanno avuto un ruolo importante e si sono fatte sentire, consapevoli del fatto che sui loro territori si consuma, in media, oltre il 50% dell’energia prodotta a livello globale. Una politica sinergica tra i governi nazionali e i governi locali è quindi imprescindibile per ottenere un successo nella lotta ai cambiamenti climatici. Il Patto dei sindaci, che per l’appunto sostiene il ruolo delle città nella lotta ai cambiamenti climatici, vede l’Italia dei governi locali in primo piano: il nostro Paese infatti annovera oltre 400 città che con apposita delibera del consiglio comunale hanno confermato il loro impegno nel perseguire gli obiettivi fissati per il 2020. Tuttavia, su ben 113 comuni lombardi aderenti, uno solo sta in provincia di Varese: Caronno Pertusella. Chi legge questo blog, oltre a congratularsi con Caronno, prema sul sindaco del proprio comune perché il territorio varesino non rimanga il fanalino di coda.

 

 

Commenti dei lettori: 6 commenti -
So che il CCR di Ispra fornisce assistenza gratuita ai comuni che aderiscono al patto dei sindaci. 8L'ho letto su Internet). Quindi Varese, per la vicinanza al centro, dovrebbe essere favorita. E allora, sveglia, sindaci varesini!
Scritto da Giordano il 4/6/2010 alle 08:14
Le segnalo che anche Uboldo -VA- ha aderito al Patto dei sindaci a Bruxelles. Uboldo Ŕ sicuramente pi¨ conosciuto, in provincia di Varese, per svincoli vecchi e futuri, Pedemontana e cave e discariche varie, non ci tolga questa piccola soddisfazione.
Scritto da Domenico Richiusa il 4/6/2010 alle 09:47
Caro Mario, volevo segnalarti che il Comune di Daverio come capofila di un patto con i Sindaci di Brunello, Casale Litta, Crosio della Valle, Galliate Lombardo, partecipa a un bando della Fondazione Cariplo per promuovere la sostenibilitÓ energetica nei Comuni piccoli e medi.
Scritto da alberto tognola, sindaco di daverio il 4/6/2010 alle 10:42
Caro Mario, anche Morazzone ha deliberato di aderire al Patto dei Sindaci, all'unanimitÓ, nel consiglio comunale del 22/05/2010. Inoltre, al pari di Daverio, parteciperemo anche noi al Bando di Fondazione Cariplo per promuovere la sostenibilitÓ energetica. Fortunatamente anche i comuni del varesotto, trasversalmente agli schieramenti politici, come vedi si stanno muovendo.
Scritto da Matteo Bianchi - Sindaco di Morazzone il 4/6/2010 alle 15:20
Chiedo scusa per aver citato solo Caronno: l'elenco da cui ho preso i dati che contemplano un solo comune in provincia di Varese Ŕ quello fornito dalla UE sul suo sito. Varrebbe la pena di chiederne direttamente l'aggiornamento. Comunque, Ŕ molto bello avere queste rettifiche, segno che l'attenzione alla tutela del clima Ŕ diffusa e crescente. Grazie ai sindaci, alla loro iniziativa e alle loro precisazioni
Scritto da Mario Agostinelli il 4/6/2010 alle 21:46
E' davvero molto confortante poter leggere commenti come quelli sopra riportati nei quali si comprende come certe decisioni vengono prese all'unanimitÓ e coinvolgono trasversalmente le forze che rappresentano la gente, tutta la gente. Una sensibilitÓ, appunto, unanime e trasversale. Ottimo.
Scritto da Legnanesi e Bustocchi il 6/6/2010 alle 20:10
Archivi:
Ultimi post:
(23/5/2012 - 12:46)
(22/5/2012 - 11:37)
(21/5/2012 - 14:41)
(18/5/2012 - 10:23)
(17/5/2012 - 14:09)
(16/5/2012 - 13:10)
(15/5/2012 - 12:05)
(13/5/2012 - 22:00)
(11/5/2012 - 18:35)
(10/5/2012 - 13:50)