Un grafico al giorno leva lo spread di torno
Mario Agostinelli   agostinelli.mario@gmail.com
inserito il 2/7/2010 alle 14:15

Chiunque ieri abbia partecipato in piazza alle proteste sulla legge bavaglio sente il bisogno di segnalare una sensazione immediata: la critica e la partecipazione, fondamenti della democrazia sono in discussione come mai è avvenuto nel dopoguerra. Ad ogni manifestazione pubblica del dissenso segue una dichiarazione del Capo di Governo che afferma che non cambierà nulla del suo comportamento “messo in piazza” dall’opposizione democratica e denunciato dal Capo dello Stato. Il messaggio è: tutto è inutile, io vado avanti comunque. A lui fanno eco i piccoli servitori-portavoce e i ministri più zelanti, a partire da Sacconi, che ci tiene a far sapere che gli scioperi dei lavoratori hanno fatto il loro tempo e non incideranno sul comportamento antioperaio dei nuovi padroni d’Italia. Siamo in tempi bui e a nulla vale il tentativo di sottacerne le implicazioni. La legge bavaglio è l’approdo di una filosofia di silenziamento della critica, vitale e indispensabile per la democrazia. Se quel provvedimento legislativo fosse approvato dalla Camera dei Deputati e promulgato dal Presidente della Repubblica, avremmo gravissime conseguenze su principi costituzionalmente tutelati (art. 21 della Costituzione della Repubblica Italiana), quali la libertà di stampa e il diritto dei cittadini di essere informati, di importanza fondamentale per la vita civile del Paese. E gravissime conseguenze sulla giustizia italiana in quanto si metterebbe a rischio lo svolgimento di molte attività di indagine della magistratura, impedendone e limitandone la facoltà di accertare reati, di perseguire gli autori, di ottenere giustizia e quindi di garantire la legalità e la sicurezza dei cittadini. Che brutta e sempre più oscura deriva questa dell’accordo Berlusconi-Bossi! Che hanno bisogno del bavaglio perché i cittadini stiano nelle loro case per conto loro a guardare una TV di stato e non si curino di riempire le piazze democratiche.

Commenti dei lettori: 3 commenti -
W la libertÓ!
Scritto da Magnisi il 2/7/2010 alle 12:34
purtroppo sembra che tutti i tentativi di resistere a questa avanzata fascita siano vani... ma non ci arrenderemo fino alla fine! possibile che questi personaggi non sappiano ascoltare magistrati, giornalisti e altri? la ragione Ŕ sempre e solo dalla loro parte?
Scritto da Emanuele il 2/7/2010 alle 12:54
e questa sera doppio intervento del "nano" nei tg... ma abbiamo sentito bene cosa ha detto? sono semplicemente allucinato...
Scritto da Francesca il 2/7/2010 alle 22:56
Archivi:
Ultimi post:
(23/5/2012 - 12:46)
(22/5/2012 - 11:37)
(21/5/2012 - 14:41)
(18/5/2012 - 10:23)
(17/5/2012 - 14:09)
(16/5/2012 - 13:10)
(15/5/2012 - 12:05)
(13/5/2012 - 22:00)
(11/5/2012 - 18:35)
(10/5/2012 - 13:50)