Un grafico al giorno leva lo spread di torno
Mario Agostinelli   agostinelli.mario@gmail.com
inserito il 3/10/2010 alle 10:40

 

 

Silvio Berlusconi, cacciando Gianfranco Fini e i finiani dal PDL, ha, di fatto, perso la maggioranza politica in Parlamento e sta visibilmente perdendo consensi nel Paese: non è mai stato tanto debole come oggi. La sua forza eversiva, incoraggiata dal patto di ferro con Umberto Bossi e la Lega Nord, non è comunque da sottovalutare e occorre vigilare perché il clima democratico si mantenga saldamente, reagendo all’intimazione fatta trapelare da alcuni giornali di rinunciare alle manifestazioni di piazza colorate e pacifiche come è stata quella di ieri a Roma. Per far implodere le contraddizioni in cui si dibatte il tentativo berlusconiano di un “regime leggero” che si sostituisce alle libertà costituzionali è necessario che la società civile non si rinchiuda in casa e in modo meditato ed efficace  si affermi  come protagonista consapevole e non come massa strumentalizzabile. Il “popolo viola” ha assunto come parola d’ordine la realizzazione della Costituzione, adattando i suoi valori e l’identità sociale che essa delinea alla concretezza della sfida presente. Mi sembra uno sforzo da appoggiare e da tradurre in programma politico per una coalizione ampia e unita, consapevole della straordinarietà della fase attuale. Ho letto in TV i cartelli portati da ragazze e ragazzi allegrissimi e visibilmente estranei a qualsiasi violenza. Mi permetto di trarne tre spunti:

  • la restituzione al popolo del diritto di voto sottratto dal "porcellum";
  • il varo di una normativa antitrust che impedisca ogni monopolio televisivo (e risolva ogni conflitto di interessi);
  • l’opposizione a controriforme giudiziarie per garantire impunità ad personam e ostacolare l'attività della magistratura contro mafiosi e criminali.

Un buon viatico per prendere in considerazione il voto che si prospetta inesorabilmente a media scadenza senza giochi elettorali truccati in partenza ed in condizioni di minima decenza democratica.

 

Commenti dei lettori: 1 commento -
salve, sono un giovane di 28 anni di besozzo e anche io ieri ho manifestato ma non a Roma. stato molto bello vedere altri giovani come me stufi di questa situazione. davvero non ne possiamo pi. e senza fare violenza vogliamo che le cose in politica cambino. grazie per i suoi spunti e forse sarebbe il caso di inviarli via mail a chi ci governa, che si renda finalmente conto che "ha rotto"!
Scritto da Edo il 3/10/2010 alle 12:07
Archivi:
Ultimi post:
(23/5/2012 - 12:46)
(22/5/2012 - 11:37)
(21/5/2012 - 14:41)
(18/5/2012 - 10:23)
(17/5/2012 - 14:09)
(16/5/2012 - 13:10)
(15/5/2012 - 12:05)
(13/5/2012 - 22:00)
(11/5/2012 - 18:35)
(10/5/2012 - 13:50)